Et in Arcadia Ego, Part II

Da WikiTrek.
Ico-pic.SVGStagione 1 di Picard
Numero di produzione: 110
Première americana: {{{EpisodiData USA}}}
Première italiana: {{{EpisodiData ITA}}}
Sequenza di trasmissione:
Prima TV USA: {{{EpisodiUSA}}}
Week Of della prima trasmissione USA:
Prima TV su NBC: {{{EpisodiNBC}}}
Prima TV su UPN: {{{EpisodiUPN}}}
Prima TV su Italia Uno: {{{EpisodiI1}}}
Prima TV su (Canal) Jimmy: {{{EpisodiCJ}}}
Prima TV su Amazon Prime Video:
Prima TV su La 7: {{{EpisodiL7}}}
Prima trasmissione sulla RAI: {{{EpisodiRAI}}}
Prima trasmissione su Tele Venezia: {{{EpisodiTLV}}}
Prima TV su Telemontecarlo: {{{EpisodiTMC}}}
Prima TV su CBS All Access:
Prima TV su Netflix: {{{EpisodiNetflix}}}
Sequenza di trasmissione su Rete Quattro: {{{EpisodiR4}}}
Codice del The Next Generation Companion: {{{EpisodiCOD}}}
DVD europeo in cui è presente l'episodio:
VHS britannica dell'episodio:
Storia: Michael Chabon & Akiva Goldsman
Sceneggiatura:
Screenplay: {{{EpisodiScreenplay}}}
Regia: Akiva Goldsman
Musica:
Produttore: {{{EpisodiProduttore}}}
Coproduttore: {{{EpisodiCoproduttore}}}
Produttore esecutivo: {{{EpisodiProd.Exec.}}}
Produttore associato: {{{EpisodiProd.Assoc.}}}
Consulente esecutivo: {{{EpisodiCons.Exec.}}}
Costo di produzione: {{{EpisodiCosto}}}
Incassi al botteghino: {{{EpisodiIncassi}}}
Durata: 57 min
Titolo nella collana La pista delle stelle: {{{EpisodiPST}}}
Titolo italiano: Et in Arcadia Ego, Parte 2
Titolo italiano scelto da Telemontecarlo: {{{EpisodiIT (TMC)}}}
Titolo spagnolo:
Titolo francese:
Titolo tedesco:
Titolo giapponese:
Titolo portoghese: {{{EpisodiPT}}}
Titolo brasiliano:
Titolo afrikaans (Sudafrica): {{{EpisodiZA (af)}}}
Titolo zulu (Sudafrica): {{{EpisodiZA (zu)}}}
Sonoro: {{{EpisodiSonoro}}}
Effetti speciali: {{{EpisodiSFX}}}
Rating americano: {{{EpisodiRating USA}}}
Titolo nell'edizione italiana in DVD: {{{EpisodiDVDITA}}}
Titolo provvisorio: {{{EpisodiPRO}}}
Titolo italiano proposto dallo STIC: {{{EpisodiSTIC}}}
Data delle versioni dello script:
Data delle riprese: {{{EpisodiRIP}}}

Personaggi e interpreti

Attori ospiti straordinari

Attori ospiti

Attori co-protagonisti

Navigatore episodi

< Precedente Successivo >
Et in Arcadia Ego, Part I nessuno

Et in Arcadia Ego, Part II è l'episodio finale della prima stagione di Star Trek: Picard.

Picard e la sua squadra sono contrapposti ai Romulani e ai sintetici di Coppelius in uno scontro finale.

Trama

Narek entra di nascosto nell'Artefatto e si muove nell'ombra stando lontano dagli xB che sono al lavoro per le riparazioni. All'interno del relitto trova finalmente la sorella Narissa Rizzo che gli chiede se ha trovato i sintetici. Lui risponde di sì e che ne ha anche uccisa una, i due si dirigono verso il nascondiglio della donna.
Elnor e Sette di Nove discutono sullo stato degli xB: il ragazzo chiede cosa ne sarà di loro, odiati da tutti e senza una vera casa.

Picard è rinchiuso nei vecchi alloggi di Bruce Maddox nella Stazione Coppelius quando Soji Asha gli va a fare visita chiedendogli come stia. Picard risponde che gradirebbe essere lasciato in libertà, ma la ragazza lo ignora e gli dice di guardare il problema dal loro punto di vista. Gli organici hanno sempre deciso della vita e della morte dei sintetici, senza mai lasciare loro una scelta. Picard risponde che non avere scelta significa invece mancare di immaginazione. La supplica di non lasciare che i romulani trasformino il suo popolo in quello che loro credono essere: dei mostri pronti a sterminare la vita organica e interrompere quindi la costruzione del trasmettitore.

Primo atto

Narek ha raggiunto la santabarbara del Artefatto e sta preparando alcune granate a mano da utilizzare contro le Orchidee che potrebbero rappresentare un pericolo per la flotta in avvicinamento. Spiega a Narissa che lui tornerà alla Stazione Coppelius mentre lei si deve occupare di ripristinare le armi del cubo. Nonostante le sue proteste, la sorella si prepara ad eseguire il suo piano. Narek esce dal cubo, seguito però da Elnor.

A bordo de La Sirena, Cristóbal Rios e Raffi Musiker anlizzano il problema: il reattore di intermescola è fuso e impedisce quindi la generazione di energia. Inoltre è impossibile replicarne uno di ricambio in quando il replicatore dipende proprio da quel componente per avere la sua propria energia. I due pensano di usare lo strumento che ha dato loro Saga per riparare il guasto, ma non hanno idea di come funzioni, dato che le istruzioni sono state, semplicemente, di "usare la propria immaginazione". Musiker dice a Rios di visualizzare nella sua mente il componente come riparato e funzionante: quando il capitano lo fa, lo strumento prnde vita e, interagendo con la parte guasta, in pochi secondi la ripara, riportando in vita i sistemi della nave. Prima che i deu possano festeggiare, sentono un clangore proveniente dallo scafo.

Alla stazione Coppelius è in corso l'auto-assemblaggio della antenna trasmittente. il dottor Altan Inigo Soong mostra a Agnes Jurati lo strumento creato da Bruce Maddox che permette il trasferimento di una mete umana verso una macchina, prima di lasciare Jurati sola, Soong si complimenta con lei per il sacrificio che è pronta a fare per i suoi "figli". Sola, Jurati cerca di farsi forza dicendosi che "può farlo", imprecando contro l'assente Soong.

In plancia, Rios e Musiker osservano fuori dal visore principale Narek che sta lanciando sassi contro la nave. Il capitano lo informa di smetterla, oppure proveranno a vedere cosa può fare un siluro fotonico su una persona a così piccola distanza. Narek ribatte che ha con se 20 granate a dissoluzione molecoalre e sta invece usando sassi per attirare la loro attenzione in quanto vuole solo parlare. Il romulano ha bisogno di discutere con loro una alleanza per salvare l'intero Universo.

Secondo atto

Musiker cerca di contattare Picard, ma Narek spiega che la Stazione Coppelius sta disturbando tutte le trasmissioni per impedire interferenze con la costruzione del trasmettitore. Il romulano spiega anche che, secondo le credenze Romulane, gli esseri artificiali saranno al causa della distruzione degli organici in un evento chiamato Ganmadan. Musiker è certa chem, comunque sia, Picard troverà il modo di interferire con questo piano.
Improvvisamente irrompe Elnor che punta subito la sua arma contro Narek, ma Rios dice a Elnor di desistere perchè Narek potrebbe essere di aiuto.

Jurati raggiunge Soong nel suo laboratorio dove lui è impegnato nel tentativo di recuperare la memoria di Saga per poterla passare alla sorella Arcana, tuttavia lo scienziato è preoccupato per il danno al prcessore ottico che ha danneggiato il flusso di dati. Juratis spiega che ha trovato alcuni file crittografati mentre stava lavorando al golem di Soong e ha bisogno del suo aiuto per decodificarli. Lo scienziato le dice di prendersi cura del recupero dei data da Saga, mentre lui va ad occuparsi dei files codificati.
Lasciata sola, JUrati inizia ad armeggiare con componenti del corpo di Saga.

Al di fuori dello scafo de La Sirena, Elnor si chiede come mai il gruppo debba fidarsi di Narek sapendo che fa parte della Zhat Vash e che sua sorella è responsabile della morte di Hugh e ha quasi ucciso anche lui. Narek ribatte che, se lui non gli paice, il Ganmadan gli piacerebbe ancora meno. Elnor considera il Gandaman una pura invenzione di fantasia, ma, su richiesta di Musiker, Narek spiega invece che è una narrazione simile agli antichi miti terrestri sulla distruzione del mondo. La storia ha a che fare con due gemelle khalagu, ovvero demoni, che progettano di invocare un ch'khalagu, un demone peggiore. Una sorella è Seb-Natan, la "veggente", mentre la seconda è Seb-Cheneb, la "Distruttrice". Narek conclude raccontando le storie di strage e distruzione che il demone porterebbe, al che Musiker gli chiede che crede veramente in questa profezia. Il romulano spiega che non crede sia un profezia: crede che sia storia, una storia che si ripeterà.

Terzo atto

Narek intedeva originariamente usare le grante contro le orchidee, ma spiega adesso all'equipaggio de La Sirena che ha deciso di indirizzare la distruzione direttamente contro il trasmettitore. Per via di un disturbatore del teletrasporto, è necessario che portino l'esplosivo di persona sul posto: nascondono quindi le granate in un pallone di Rios e si recano all'ingresso della stazione portando Narek come prigioniero, fingendo di averlo catturato dopo la sua fuga.

Jurati si reca agli alloggi di Maddox, dove Picard è tenuto prigioniero, e vi entra usando l'occhio di Saga, estratto poco prima, per aprire la serratura biometrica. Appena entrata, la dottoressa spiega che ha intenzione di fare evadere Picard perchè entrambi possano tornare alla nave. Nel laboratorio, Altan vede che la matrice sintetica del golem è pronta e contemporaneamente anche le memorie di Saga sono state ripristinate. Con orrore, Soong scopre che è stata Sutra, con l'aiuto di Narek, a pugnalare a morte saga.
Soong su unisce poi al gruppo di Narek e si prepara ad aiutarli a distruggere il trasmettitore.

Quarto atto

Sezioni

In questo episodio…

  • Veniamo a conoscenza che il vero grado di Oh è Generale, anche se alla fine della prima parte era ancora stata chiamata come Commodoro dai Romulani.
  • Jean-Luc Picard muore in seguito alle complicazioni della Sindrome irumodica. La sua coscienza viene però trasferita in un golem artificiale a sua esatta immagine e somiglianza in cui potrà continuare a vivere ancora per anni

Note

  • Molto poco logico che il replicatore delle parti di ricambio de La Sirena abbia bisogno dell'energia principale per funzionare. Sarebbe più logico che avesse una fonte energetica alternativa di emergenza. Alternativamente, i componenti chiave dei generatori dovrebbero essere fisicamente conservati nella stiva della nave.
  • Per spiegare il funzionamento del dispositivo di riparazione, che a molti è sembrato un deus ex machina non necessario ai fini della storia, alcuni fan hanno proposto[1]che l'apparecchio sia una versione avanzata degli exocomp.
  • L'antenna alla stazione Coppelius si assembla in maniera autonoma: questo sistema di costruzione si basa forse su naniti o sulla cosiddetta materia programmabile. Si veda anche quanto scritto nella scheda dell'episodio precedente a proposito delle capacità produttive della stazione.
  • Le granate con solvente molecolare sono probabilmente lo stesso tipo di arma usato prima dell'inizio di Stardust City Rag contro il laboratorio di Bruce Maddox
  • William Riker dice che le sue navi stanno mirando ai nuclei di curvatura delle navi romulane. Scopriamo quindi che questo particolare tipo di sparviero non usa la tecnologia di produzione energetica basata su Singolarità quantistica artificiale. Mentre è noto che i falchi da guerra di Classe D'deridex usino una singolarità per alimentare la curvatura, non è mai stato chiarito se questo vale per tutte le classi di navi romulane.
  • Tentacoli meccanici dei cosiddetti uber-sintetici stanno emergendo dal portale.
    Tentacoli meccanici dei cosiddetti uber-sintetici stanno emergendo dal portale.
    L'apparizione di tentacoli meccanici dal portale ricorda, una volta ancora, qualcosa di già visto in Light and Shadows e in If Memory Serves. Nonostante Michael Chabon abbia continuato a negare collegamenti fra gli uber-sintetici e le entità del futuro viste in Star Trek: Discovery, le similitudini continuano ad accumularsi, come già notato in Nepenthe e Broken Pieces.
  • Il trasferimento della coscienza di Picard nel golem sembra enormemente più avanzato del tentativo di Julian Bashir di salvare Vedek Bareil con un impianto positronico in Life Support, nonostante siano passati soltanto 28 anni.
  • In interviste successive alla fine della serie, Michael Chabon ha aggiunto alcune informazioni su sviluppi della storia non mostrati sullo schermo:
    • Ramhda e gli xB avviano la creazione di una piccola comunità a bordo del relitto del cubo
    • Jurati deve ancora sottoporsi al giudizio delle forze dell'ordine per l'assassinio di Bruce Maddox

YATI

  • Se l'energia a bordo de La Sirena è ripristinata, perché l'equipaggio si riunisce intorno a un falò all'aperto?
  • Possibile che tutti gli ufficiali di tutte le navi romulane si ritirino con tanta facilità? Se tutti fanno parte della Zhat Vash e sono pronti a distruggere quello che sembra un pacifico pianeta, hanno appena visto quasi emergere un mostro meccanico da un portale interdimensionale e si fanno tutti convincere ad andarsene in pochi minuti?
  • Di tutta la gigantesca flotta di navi della Flotta Stellare non ce ne è una sola che si possa fermare in orbita alla colonia per verificare la situazione? O per dare seguito alla richiesta di apertura di relazioni diplomatiche, atto che ha formalmente fermato l'attacco? Possibile che William Riker si sia dato tutta questa pena e non si fermi, letteralmente, dieci minuti a parlare con Picard?

47

  • Ad un certo punto Agnes Jurati dice a Picard che mancano 6 minuti e 11 secondi all'arrivo della flotta romulana, cioé 371 secondi (3+71=74).

Blooper

Okudagram

Produzione

Versione Italiana

Continuity

Citazioni

Riferimenti

Episodi

Pianeti


Pagine che portano qui


    Collegamenti esterni

    Annotazioni


    Navigatore Globale