New Eden

Da WikiTrek.
Dsc.pngStagione 2 di Discovery
Numero di produzione: 201
Première americana: {{{EpisodiData USA}}}
Première italiana: {{{EpisodiData ITA}}}
Sequenza di trasmissione:
Prima TV USA: {{{EpisodiUSA}}}
Week Of della prima trasmissione USA:
Prima TV su NBC: {{{EpisodiNBC}}}
Prima TV su UPN: {{{EpisodiUPN}}}
Prima TV su Italia Uno:
Prima TV su (Canal) Jimmy: {{{EpisodiCJ}}}
Prima TV su La 7: {{{EpisodiL7}}}
Prima trasmissione sulla RAI: {{{EpisodiRAI}}}
Prima trasmissione su Tele Venezia: {{{EpisodiTLV}}}
Prima TV su Telemontecarlo: {{{EpisodiTMC}}}
Prima TV su CBS All Access: giovedì 24 gennaio 2019
Prima TV su Netflix: venerdì 25 gennaio 2019
Sequenza di trasmissione su Rete Quattro: {{{EpisodiR4}}}
Codice del The Next Generation Companion: {{{EpisodiCOD}}}
DVD europeo in cui è presente l'episodio:
VHS britannica dell'episodio:
Storia:
Sceneggiatura:
Screenplay: {{{EpisodiScreenplay}}}
Regia: Jonathan Frakes
Musica:
Produttore: {{{EpisodiProduttore}}}
Coproduttore: {{{EpisodiCoproduttore}}}
Produttore esecutivo: {{{EpisodiProd.Exec.}}}
Produttore associato: {{{EpisodiProd.Assoc.}}}
Consulente esecutivo: {{{EpisodiCons.Exec.}}}
Costo di produzione: {{{EpisodiCosto}}}
Incassi al botteghino: {{{EpisodiIncassi}}}
Durata: 44min
Titolo nella collana La pista delle stelle: {{{EpisodiPST}}}
Titolo italiano: Nuovo Eden
Titolo italiano scelto da Telemontecarlo: {{{EpisodiIT (TMC)}}}
Titolo spagnolo:
Titolo francese:
Titolo tedesco:
Titolo giapponese:
Titolo portoghese: {{{EpisodiPT}}}
Titolo brasiliano:
Titolo afrikaans (Sudafrica): {{{EpisodiZA (af)}}}
Titolo zulu (Sudafrica): {{{EpisodiZA (zu)}}}
Sonoro: {{{EpisodiSonoro}}}
Effetti speciali: {{{EpisodiSFX}}}
Rating americano: {{{EpisodiRating USA}}}
Titolo nell'edizione italiana in DVD: {{{EpisodiDVDITA}}}
Titolo provvisorio: {{{EpisodiPRO}}}
Titolo italiano proposto dallo STIC: {{{EpisodiSTIC}}}
Data delle versioni dello script:
Data delle riprese: {{{EpisodiRIP}}}

Personaggi e interpreti

Attori ospiti

Attori co-protagonisti

Attori in ruoli non accreditati

Navigatore episodi

< Precedente Successivo >
Brother Point of Light

New Eden è un episodio della seconda stagione di Star Trek: Discovery.

L'apparizione di una seconda esplosione rossa a grande distanza dallo spazio Federale porta la Discovery ad utilizzare ancora la Propulsione a Spore per recarsi a indagare. L'equipaggio incontrerà una piccola popolazione umana la cui presenza sembrerebbe impossibile. Ulteriori indagini porteranno alla scoperta di altre informazioni a proposito dell'Angelo Rosso

Trama

Durante una discussione con Pike, Burnham espone quanto ha scoperto analizzando il tablet di Spock e spiega come le sue "visioni" siano molto probabilmente collegate ai fenomeni sui quali l'equipaggio sta investigando. La donna chiede a Pike di scoprire dove si trova il suo fratellastro per farsi aiutare nelle indagini, ma Pike la stupisce dicendo di saper esattamente dove si trova: si è infatti fatto ricoverare volontariamente nel reparto psichiatria della Base Stellare 5.
Prima che possano approfondire, vengono chiamati in plancia.

Una nuova esplosione rossa è apparsa sui sensori, ma non è possibile localizzarla esattamente a causa della sua lontananza. Si decide allora di riconfigurare il disco deflettore e fare un breve salto a curvatura per ottenere una localizzazione migliore del fenomeno. La distanza dell'oggetto risulterà superiore ai 51.000 anni luce, molto al di fuori delle capacità della propulsione a curvatura in tempi di percorrenza ragionevoli.
Vista l'importanza di analizzare le esplosioni al più presto possibile, Pike decide di usare la Propulsione a Spore per effettuare un salto e arrivare rapidamente in prossimità del fenomeno.

Stamets confessa di non volere più saltare perché, mentre si trova nel piano micelico lui ha coscienza di Culber che, quanto pare, esiste ancora in qualche forma lì. Questi incontri hanno su di lui un impatto emotivo troppo forte, tuttavia obbedisce agli ordini ed effettua il salto, tuttavia esce dalla camera di reazione visibilmente scosso e zittisce Tilly che vorrebbe parlargli. Appena giunti a destinazione, la Discovery si trova in orbita intorno a un pianeta di Classe M sulla cui superficie si rilevano forme di vita umane intorno a quella che sembra una modesta chiesa in legno da cui proviene un segnale SOS inviato da una radio. Da una analisi fonometrica, Saru stabilisce che si tratta di un segnale vecchio di due secoli.

Nell'hangar della Discovery, Tilly tenta di sperimentare con il frammento di materia oscura catturato dalla nuvola di detriti intorno all'asteroide interstellare: ne preleva un piccolo campione da usare in laboratorio per iniziare le ricerche su una interfaccia non umana per la navigazione con il propulsore a spore. Una improvvisa manifestazione energetica del frammento prelevato scaraventa la cadetta sopra alcuni container dove si ferisce gravemente.
Al suo risveglio, in infermeria, si confronta con Saru il quale loda la sua inventiva e i suoi buoni propositi, ma critica la sua avventatezza e le dice di procedere con più cautela nonostante il suo entusiasmo. Nelle ore successive Tilly conversa anche con May Ahearn: un membro dell'equipaggio molto amichevole con lei che la aiuta nei suoi ragionamenti.

Pike, Burnham e Owosekun compongono la squadra da sbarco che, nella chiesa, trova testi religiosi provenienti dalla Terra di 200 anni prima – in piena Terza Guerra Mondiale – oltre a decorazioni di vetrate rappresentati soldati, bombardieri e una figura stilizzata apparentemente aliena.
Mentre il trio della Discovery si finge un gruppo di viandanti venuti "dal nord" la sacerdotessa del villaggio, Amesha, spiega come un gruppo di soldati e di civili avesse trovato rifugio proprio nella chiesa durante un bombardamento nucleare nell'ambito della Terza Guerra Mondiale. Senza speranze di sopravvivere, l'edificio con tutti gli occupanti fu in qualche maniera trasportato via dal pianeta. Sicuri di un intervento divino ad averli salvati, ma incerti su quale "dio" ringraziare, i sopravvissuti decisero di creare una loro religione combinando i sette culti a cui aderivano in varia misura i loro membri.

Nello scantinato della chiesa, la squadra di sbarco trova l'apparecchio radio fonte del segnale di SOS custodita in quello che è il laboratorio di Jacob: la sua famiglia da secoli si prende cura delle apparecchiature superstiti, confidando nel fatto che la Terra non sia andata distrutta nella guerra e che l'umanità si sia evoluta. Pike non si smuove dalla sua storia di copertura, ma Jacob non si a convincere: mette fuori combattimento i tre con una granata stordente e si reca dai leader del villaggio per mostrare la attrezzatura tecnologicamente sofisticata dei tre visitatori.
Pike e i suoi colleghi riescono a fuggire e confrontano la folla proprio in tempo per salvare una ragazzina dall'esplosione di un phaser con cui stava giocherellando. Pike riesce nell'intento di fare da scudo ai civili, ma viene gravemente ferito dall'esplosione: le sue due colleghe lo aiutano e i tre riescono a teletrasportarsi sulla Discovery visti solo da pochi abitanti.

Sulla plancia si scopre che una parte dei frammenti radioattivi che formano anelli intorno al pianeta stanno precipitando sulla superficie: la combinazione degli impatti di rocce orbitali e di radioattività porterebbe a una estinzione di massa sulla superficie. Su suggerimento di Tilly, si decide allora di portare la roccia di materia oscura fuori dall'hangar della Discovery e di usare la sua immensa massa come attrattore per i detriti.
Con una manovra precisa Detmer riesce nell'intento di portare i detriti radioattivi lontano dalla traiettoria di rientro nell'atmosfera e di salvare così il pianeta e i suoi occupanti.
Tilly, ripresasi dal suo incidente, torna nel proprio alloggio e si ricorda che la ragazza che l'ha aiutata nelle ore precedenti è in realtà May Ahearn, una sua amica delle scuole superiori. La cadetta chiede al computer più informazioni su di lei, ma scopre con stupore che, non solo la ragazza non è mai stata a bordo della nave, ma è addirittura deceduta anni prima.

Guarito, Pike discute con Burnham della possibilità di rivelare qualche informazione su di loro ai terrestri sulla superficie, approfittando anche di una seconda visita per recuperare la videocamera di uno dei soldati. Pike torna nel laboratorio di Jacob, gli rivela la sua vera identità e gli dà alcune delle risposte che cercava. Dopo una breve discussione sulla Terra, l'umanità e la Federazione, Pike si offre di scambiare una cella energetica carica con la videocamera in dotazione a uno dei soldati presenti nella chiesa nel 2053.
Il dispositivo non è più funzionante, ma una volta a bordo la sua memoria può essere interfacciata con il computer: sullo schermo Pike può vedere come, in mezzo al panico delle persone terrorizzate per la morte imminente, l'Angelo Rosso arrivi a salvare la situazione portando via la chiesa con tutti i suoi occupanti in un bagliore di luce accecante.

Sezioni

In questo episodio…

  • Scopriamo che Spock si è fatto internare in un ospedale psichiatrico sulla Base Stellare 5 per sua esplicita volontà, condividendo questa informazione, apparentemente, solo con Pike
  • Burnham dice espressamente di essere l'Ufficiale Scientifico della nave
  • Si spiega che il Propulsore a Spore non dovrebbe più essere usato a causa degli avversi effetti fisici sperimentati dai suoi "navigatori" (come abbiamo visto nei casi del Ripper e di Stamets). In questo episodio Pike decide di usarla solo per l'importanza critica di indagare con celerità sulle esplosioni rosse.
  • Si citano sette religioni terrestri: Cristianesimo, Ebraismo, Islam, Induismo, Buddhismo, Shintoismo e Wicca. Non è chiaro se il numero sette sia in relazione con le esplosioni rosse in generale
  • Tilly vuole approfondire la conoscenza della materia oscura perché pensa di poter creare una interfaccia non vivente per la guida della Propulsione a Spore. Questo probabilmente si spiega con la particolare attività del micelio notata dalla cadetta nel precedente episodio
  • Vediamo Tilly usare una sorta di occhiale con realtà aumentata. Si tratta di qualcosa di simile a quanto visto in uso dai Jem'Hadar e dei loro alleati durante la Guerra del Dominio
  • Keyla Detmer afferma di avere la licenza di pilota dall'età di 12 anni
  • Saru dice di conoscere 90 lingue in uso nella Federazione
  • Si dice che Joann Owosekun è cresciuta in un "collettivo luddista"

Note

  • Non è chiaro come all'inizio dell'episodio l'equipaggio sfrutti il fatto di fare un breve viaggio in curvatura per ottenere una migliore analisi dell'esplosione rossa. Burnham e Tilly nominano analogie con il sonar e con il redshift gravitazionale: Il primo usa onde d'urto che di propagano in un mezzo per stabilire posizione, velocità o caratteristiche di un bersaglio. Il secondo fenomeno ha a che fare con la modifica delle frequenza dei quanti di luce quando sottoposti a un campo gravitazionale intenso. Le due cose non sembrano avere relazione con il viaggio a curvatura o con la localizzazione dell'oggetto a distanze astronomiche. Possiamo solo ipotizzare l'applicazione di un principio simile a quello sfruttato nella tecnologia del Radar ad apertura sintetica
  • La distanza esatta del pianeta dalla posizione della Discovery è 51.450 anni luce. Secondo lo Star Trek Star Charts il raggio della Galassia è 50.000 anni luce (in realtà, stime astronomiche più recenti lo fissano tra i 75.000 e 100.000 anni luce): considerando che la Discovery si trovava da qualche parte nello spazio Federale, lontano dal centro galattico, si può stimare che Terralysium si trovi ai margini estremi o al di fuori della Barriera Galattica
  • Il vello sopra il libro sacro dice The words of our redeption. Il testo sulla lapide che si vede in primo piano dopo la discesa della squadra di sbarco dice "J. Scott - Forever in our[…]". La scuola di Tilly è la "Musk Junior High"
  • Si tratta di un vero e proprio colpo di fortuna che, proprio all'arrivo dell'equipaggio, gli abitanti si stessero preparando per la cerimonia della luna nuova, cerimonia dove la loro storia viene convenientemente spiegata alla squadra di sbarco e ai telespettatori.
  • Il pianeta si chiama Terralysium che possiamo approssimativamente tradurre in italiano come "landa paradisiaca".
  • Nelle vetrate, i velivoli stilizzati rappresentati mentre lanciano bombe nucleari assomigliano al bombardiere Lockheed F-117 "Nighthawk" realmente impiegato nella USAF fino all'inizio del 2008. Curioso notare che non assomiglino invece ai più moderni Northrop Grumman B-2 "Spirit" o al futuro Northrop Grumman B-21 "Raider".
  • L'atto di Pike di afferrare il phaser e farne scudo con il suo corpo, è simile a quello che gli americani definiscono Falling on a grenade compiuto a volte da soldati che si condannano a morte quasi certa per salvare i propri commilitoni o civili dagli effetti devastanti di un esplosivo a mano.
  • Sullo schermo dell'ufficio del capitano, alla fine dell'episodio, la chiesa viene identificata come The East Fork Presbyterian Church e la località Earth, Richmond, Indiana. Un riferimento simile nel nome realmente esistente è la American Fork Presbyterian Church. La città invece esiste realmente ed è effettivamente sede di una chiesa presbiteriana, la Reid Memorial Presbyterian Church.
  • In tutto l'episodio l'Ordine Generale 1 non viene mai chiamato con il suo nome informale, più comunemente noto, di "Prima Direttiva"
  • La presenza inaspettata di umani su mondi lontani è già stata trattata in qualche modo negli episodi Up The Long Ladder, The 37's e Terra Nova

YATI

  • Amesha dice che le celle energetiche della chiesa si scaricarono poco dopo il trasporto dell'edificio, non si capisce quindi come abbia fatto Jacob a mantenere in funzione il messaggio di SOS per due secoli. Inoltre non è chiaro come abbia effettuato la manutenzione all'apparecchio non avendo accesso a nessun tipo di tecnologia elettrotecnica.
  • Il gesto eroico di Pike si compie in circostanze poco chiare. Non è dato di sapere cosa faccia esattamente di "sbagliato" la ragazzina al phaser, ma sembra che lo abbia sovraccaricato (se avesse semplicemente sparato, la reazione dell'arma sarebbe stata immediata). In questo caso, come prima cosa, non si capisce come abbia fatto ad attivare una tale modalità inavvertitamente, in quanto l'arma dispone, come abbiamo visto in passato, di controlli complessi e la sovraccarica non si può attivare con un semplice pulsante. Inoltre, un phaser in sovraccarico libera tanta energia che Pike sarebbe stato ridotto a brandelli, se non polverizzato, insieme a tutto quello che gli stava a qualche metro di distanza.
  • Non è chiara la gestione della Prima Direttiva in questo episodio: Pike si dà gran pena e rischia la vita per attenersi strettamente ad essa per tutto l'episodio. Negli ultimi minuti, tuttavia, consegna una cella di energia a Jacob. Pur non essendo questa una tecnologia sconosciuta ai terrestri di New Eden, il fatto che una cella perfettamente carica sia apparsa improvvisamente senza spiegazione non può altro che convincerli della natura dei visitatori della Discovery come membri di una società tecnologicamente avanzata.
    Saru invece agisce per salvare la popolazione sul pianeta senza nemmeno porsi il problema. Sappiamo invece che la Prima Direttiva non ha a che fare semplicemente con il "non farsi scoprire", ma più precisamente con il "non interferire": questo concetto è ben spiegato all'inizio di Star Trek Into Darkness.

Blooper

  • Quando si sveglia in infermeria, Tilly appare pallida come conseguenza del trauma subito. Si nota però chiaramente il pesante trucco applicato in viso mentre braccia, gambe, ma soprattutto il collo – dove il contrasto è particolarmente evidente – hanno un colorito roseo.

Produzione

  • Il dottor Hugh Culber non appare in questo episodio e il suo interprete Wilson Cruz non è citato nei titoli, ma quest'ultimo è un attore regolare anche nella seconda stagione quindi avrebbe dovuto apparire comunque.
  • Dopo l'annullamento di After Trek questo è il primo episodio accompagnato da un nuovo companion show chiamato The Ready Room in onda sulla pagina ufficiale di Star Trek su Facebook in diretta il giorno successivo alla messa in onda dell'episodio e anche in differita.[1]

Continuity

  • Per la seconda volta, una esplosione rossa conduce la Discovery e il suo equipaggio in una zona dove è necessario il loro aiuto per una missione di soccorso. Per la seconda volta l'esplosione scompare all'arrivo della nave e per la seconda volta questi fatti sono in qualche modo legati all'Angelo Rosso.

Citazioni

Christopher Pike: «If you're telling me that this ship can skip across the universe on a highway made of mushrooms, I kind of have to go on faith.»

Christopher Pike: «Be bold. Be brave. Be courageous. Black alert.»

Christopher Pike: «Let's jump.»

Pagine che portano qui


Collegamenti esterni

Annotazioni


Navigatore Globale