Saints of Imperfection

Da WikiTrek.
Dsc.pngStagione 2 di Discovery
Numero di produzione: 205
Première americana: {{{EpisodiData USA}}}
Première italiana: {{{EpisodiData ITA}}}
Sequenza di trasmissione:
Prima TV USA: {{{EpisodiUSA}}}
Week Of della prima trasmissione USA:
Prima TV su NBC: {{{EpisodiNBC}}}
Prima TV su UPN: {{{EpisodiUPN}}}
Prima TV su Italia Uno: {{{EpisodiI1}}}
Prima TV su (Canal) Jimmy: {{{EpisodiCJ}}}
Prima TV su La 7: {{{EpisodiL7}}}
Prima trasmissione sulla RAI: {{{EpisodiRAI}}}
Prima trasmissione su Tele Venezia: {{{EpisodiTLV}}}
Prima TV su Telemontecarlo: {{{EpisodiTMC}}}
Prima TV su CBS All Access: giovedì 14 febbraio 2019
Prima TV su Netflix: venerdì 15 febbraio 2019
Sequenza di trasmissione su Rete Quattro: {{{EpisodiR4}}}
Codice del The Next Generation Companion: {{{EpisodiCOD}}}
DVD europeo in cui è presente l'episodio:
VHS britannica dell'episodio:
Storia: Kirsten Beyer
Sceneggiatura:
Screenplay: {{{EpisodiScreenplay}}}
Regia: Dave Barrett
Musica:
Produttore: {{{EpisodiProduttore}}}
Coproduttore: {{{EpisodiCoproduttore}}}
Produttore esecutivo: {{{EpisodiProd.Exec.}}}
Produttore associato: {{{EpisodiProd.Assoc.}}}
Consulente esecutivo: {{{EpisodiCons.Exec.}}}
Costo di produzione: {{{EpisodiCosto}}}
Incassi al botteghino: {{{EpisodiIncassi}}}
Durata: 52min
Titolo nella collana La pista delle stelle: {{{EpisodiPST}}}
Titolo italiano: Santi dell'imperfezione
Titolo italiano scelto da Telemontecarlo: {{{EpisodiIT (TMC)}}}
Titolo spagnolo:
Titolo francese:
Titolo tedesco:
Titolo giapponese:
Titolo portoghese: {{{EpisodiPT}}}
Titolo brasiliano:
Titolo afrikaans (Sudafrica): {{{EpisodiZA (af)}}}
Titolo zulu (Sudafrica): {{{EpisodiZA (zu)}}}
Sonoro: {{{EpisodiSonoro}}}
Effetti speciali: {{{EpisodiSFX}}}
Rating americano: {{{EpisodiRating USA}}}
Titolo nell'edizione italiana in DVD: {{{EpisodiDVDITA}}}
Titolo provvisorio: {{{EpisodiPRO}}}
Titolo italiano proposto dallo STIC: {{{EpisodiSTIC}}}
Data delle versioni dello script:
Data delle riprese: {{{EpisodiRIP}}}

Personaggi e interpreti

Attori ospiti straordinari

Attori co-protagonisti

Navigatore episodi

< Precedente Successivo >
An Obol for Charon The Sounds of Thunder

Saints of Imperfection è un episodio della seconda stagione di Star Trek: Discovery.

La rincorsa alla navetta di Spock finalmente ha termine, ma all'equipaggio della Discovery toccherà una doccia scozzese.
Stamets e Burnham elaborano un piano ardito per entrare nel piano micelico e salvare Tilly.

Trama

Mentre Stamets è alla ricerca di una prova che Tilly sia in qualche modo ancora viva e di un modo per salvarla, Burnham trova conforto solo rifugiandosi nel lavoro.
Dopo lunghe ricerche, finalmente Keyla Detmer annuncia che la Discovery ha intercettato la navetta rubata da Spock. Christopher Pike apre un canale di comunicazione, si identifica e promette al suo collega di ascoltare quello che ha da dire. Il tentativo di comunicazione fallisce senza risposta.

Pike ordina la detonazione di un siluro fotonico a poca distanza dalla navetta per disabilitarla senza danneggiarla gravemente.
Lo shuttle può essere quindi portato nell'hangar con un raggio traente. Il suo unico occupante viene costretto a scendere e, nello stupore generale, si rivela essere l'Imperatrice Georgiou che tutti, tranne Burnham, pensano essere l'ex Capitano Philippa Georgiou.

Primo atto

Georgiou spiega che la Sezione 31 ha seguito e intercettato lo shuttle di Spock prima di loro, ma, una volta salita a bordo, lo ha trovato abbandonato. Nell'ufficio del capitano, Leland attende il trio in olopresenza: il membro della Sezione 31 è una vecchia conoscenza di Pike (così come Georgiou) e i due hanno una tesa conversazione alla fine della quale Pike è "costretto" a lasciare andare Georgiou.

In Ingegneria delle Spore, Stamets effettua una scansione della crisalide e stabilisce che non ci sono residui umani all'interno, inducendo quindi l'assenza di Tilly, o dei suoi resti. Ipotizza allora che la crisalide sia una versione organica di un teletrasporto, del tutto basata sulle spore, e che Tilly probabilmente è stata portata all'interno della rete miceliale.

Tilly in effetti si risveglia all'interno di una crisalide simile, da cui May l'aiuta a uscire. In poco tempo Tilly viene attaccata dalle spore, cosa che May descrive come il "loro processo" ovvero il consumo di tutta la materia che entra nella rete. May spiega di essere la manifestazione delle spore e dice che tutta la rete verrà distrutta se Tilly non l'aiuterà ad uccidere "un mostro".

Secondo atto

Pike informa Burnham che l'ufficiale di collegamento con la Sezione 31 è giunto a bordo: si tratta di Voq.
Burnham è scossa e Pike sospettoso per il fatto di non essere convinto che Voq abbia davvero la personalità di Ash Tyler e non sia invece il Tedoforo di L'Rell. Lo insospettisce anche la precedente reazione ostile di Burnham all'arrivo di Georgiou, ma Burnham promette che gli spiegherà tutto in un momento più opportuno.
Voq e Burnham hanno una conversazione sotto gli occhi vigili della Capa della Sicurezza Nhan: Voq non può rivelare molto della sua partenza da Qo'noS e del suo coinvolgimento con la Sezione 31. Spiega ad ogni modo che non permetterà che succeda nulla a Spock, anche se Burnham è scettica.

Nella rete miceliale, Tilly accetta di aiutare May a patto che venga alla fine riportata sulla Discovery.
Sulla nave, Stamets ha già elaborato un piano per salvare Tilly: effettuare un salto parziale nella rete e, invece di restarci solo per pochi millisecondi lungo il percorso, la nave si fermerà per circa un ora, il tempo massimo prima che il micelio consumi lo scafo.
Pike approva il piano considerando che Tilly rischierebbe la sua stessa vita per la nave e per il resto dell'equipaggio senza esitare. Il piano funziona e la Discovery si trova metà dentro e metà fuori dalle rete miceliale: il Cubo di Reazione agisce come una "camera di equilibrio" tra i due ambienti.

May e Tilly vedono la nave arrivare e vi entrano. Percependo la presenza del "mostro" a bordo della nave, le due si recano in armeria per equipaggiarsi prima dello scontro imminente con la creatura.
Burnham e Stamets, passati nel piano micelico, identificano i segni vitali di Tilly e la raggiungono: per la prima volta anche loro sono in grado di vedere May. Il quartetto trova poi il "mostro" nascosto in uno dei corridoi della nave: tutti sono sorpresi nello scoprire che si tratta di un simulacro esatto del dottor Hugh Culber.

Terzo atto

Nonostante le richieste di May, gli ufficiali della Flotta si rifiutano ovviamente di uccidere quello che sembra Culber e anzi Stamets si lancia immediatamente in suo soccorso. Risulta che Culber sopravviva nella rete con il corpo ricoperto di corteccia di un albero che è letale per le spore. i JahSepp lo considerano un arma di distruzione di massa, per Culber invece è una "armatura" contro l'attacco delle spore, che è distruttivo per i tessuti viventi. Questo suo comportamento di auto conservazione convince i suoi colleghi che Culber è in effetti vivo e senziente.

In plancia della Discovery, Saru segnala come lo scafo stia cedendo e a bordo si stiano verificando gravi malfunzionamenti. Usando il suo distintivo come un commbadge, Voq chiama la nave della Sezione 31 che emerge da un mascheramento olografico con le sembianze di un asteroide e, con l'aiuto di tre sonde robotizzate, attiva un raggio traente per mantenere stabile la Discovery. Leland vorrebbe porre fine all'esperimento di Stamets trainando la nave, ma Georgiou lo convince a dare loro ancora qualche minuto.

Stamets raggiunge Culber, in fuga nei corridoi della nave, e i due si ricongiungono ripercorrendo i loro ricordi felici insieme. Stamets suppone che l'essenza di Culber sia passata nella rete miceliale tramite sé stesso dopo che quest'ultimo ebbe trovato il corpo del suo compagno. Le spore hanno "ricostruito" Culber in base alla "energia" fluita nella rete tramite Stamets. Le spore lo hanno poi attaccato come se fosse un corpo estraneo nella rete.

Per risolvere il problema del "mostro" senza uccidere Culber, si decide di farlo tornare nel nostro universo attraverso la Camera di Reazione, ma questo non è possibile. Nel tentativo di varcare il confine del piano micelico, il braccio di Culber si disintegra: il corpo ricostruito di Culber non può esistere al di fuori della rete.

Atto quarto

Culber prega Stamets di lasciarlo andare, non vedendo possibilità di sopravvivenza, ma lo scienziato non si può rassegnare a perderlo una seconda volta.
Tilly e Burnham si rendono conto che la crisalide può essere usata per portare fuori Culber dalla rete così come ha portato dentro Tilly. May accetta di occuparsi del trasporto dalla sua parte. I tre tornano nello spazio normale e la Discovery può ora uscire completamente dalla rete.
Il piano ha successo e, dopo che la crisalide si deteriora, ne emerge il corpo di Culber vivo e vegeto.

Pike si trasporta a bordo della nave della Sezione 31 dove l'aspetta l'ammiraglio Cornwell. Questa spiega che una nave scientifica, mandata a esaminare il campo di asteroidi dove la Discovery trovò i dispersi della Hiawata, ha rilevato residui di radiazione tachionica, facendo presumere quindi gli effetti di un viaggio temporale.
L'ammiraglio impone ai due capitani di collaborare lasciando da parte dibattiti sull'Articolo 14: Leland chiede scusa a Pike per aver superato il limite e i due si accordano per una assegnazione prolungata di Voq alla Discovery.

Georgiou contatta Burnham dicendole che le deve dei ringraziamenti, le ricorda anche la superiorità della sua controparte dell'Universo dello Specchio. L'imperatrice afferma anche la necessità di trovare Spock prima che lo facciano i "vigilanti" o i "cowboy" della Flotta, chiedendole di fidarsi di lei. Burnham rimane scettica.

Mentre Pike continua le ricerche sull'Angelo Rosso e Tilly ritorna alla sua vita normale, Burnham si reca in plancia e incrocia il suo sguard con Voq, interrogandosi sul destino e sulle decisioni che determinano il percorso di ognuno.

Sezioni

In questo episodio…

  • Si dice esplicitamente che Nhan è la nuova Capa della Sicurezza della nave
  • Ritorna l'ammiraglio Katrina Cornwell
  • Il dottor Culbers torna in vita
  • Si dice che lo scafo della nave è fatto di Tritanio
  • Spock ha il grado di Tenente
  • Vediamo il volo di un siluro fotonico dalla sua soggettiva, come se avesse una action cam a bordo.
  • Circa un terzo dello scafo della Discovery e la gondola di sinistra vengono gravemente danneggiati dalle spore mentre la nave si trova parzialmente all'interno della rete miceliale
  • Debuttano i fucili phaser Tipo III in Discovery
  • Stamets e Burnham spiegano finalmente come sono deceduti i membri dell'equipaggio della Glenn: anche se una parte potrebbe essere stata attaccata dal ripper', gli altri sono stati "stritolati" essendosi trovati nell'intersezione tra il piano miceliale e lo spazio normale.
  • Cronologicamente qui si vede il primo uso di un distintivo come commbadge, cosa che diventerà comune solo da Star Trek: The Next Generation in poi. Pike è sorpreso nel vedere che la mostrina della Sezione 31 abbia una tale funzionalità.
  • Vediamo un tipo di raggio traente assistito da droni. Non è chiaro se sia uno standard più antiquato riguardo al raggio traente che abbiamo sempre visto oppure se abbia invece un funzionamento diverso
  • Viene citata la Favola della rana e dello scorpione, uno dei temi portanti di Scorpion - Part I e Scorpion - Part II
  • A T49:25 vediamo la scrittura vulcaniana sul monitor di Pike

Note

  • Dave Barrett torna a dirigere Star Trek: Discovery dopo Magic to Make the Sanest Man Go Mad. Ricordiamo che la sua prima regia nell'episodio Divergence, aveva già affrontato il tema della Sezione 31
  • Il titolo probabilmente viene dalla frase «Monsters are patron saints of imperfection», pronunciata da Guillermo Del Toro in una intervista.[1]
  • Pike dice di avere visto l'ultima volta Leland alle prese con alligatori su Cestus III. Si tratta di un probabile accenno ai Gorn, non è chiaro se solo come battuta o se con un significato più profondo
  • Georgiou parla di un "incidente" avvenuto sei anni prima su Deneva a causa di Leland
  • Stamets ricorda la visita al Metropolitan Museum of Art insieme a Culber
  • La Sezione 31 è ampiamente nota ai membri della Flotta Stellare e fa apparentemente parte della Sicurezza della Flotta Stellare. Dalle parole dell'ammiraglio si capisce che i suoi metodi non sono del tutto ortodossi, ma apparentemente opera in maniera molto più aperta di quanto si è visto nelle serie successive e precedenti. Gli alti ufficiali della Sezione 31 inoltre sembrano avere potere discrezionale al di sopra delle missioni della Flotta.
  • Molto strano che almeno Burnham non protesti per il piano di recupero di Tilly: in questo caso, il bene di una non giustifica certo il rischio per la nave e per il suo intero equipaggio.
  • Quello che Stamets ha portato nel piano micelico e che permette a Culbers di esistere in quel luogo è forse qualcosa di analogo al Katra vulcaniano?
  • Voq usa il comunicatore e chiama Controllo: non è chiaro chi risponda, anche se sembrerebbe Leland. Tuttavia viene detto «[…]non è lui che decide.». In precedenza risultava chiaro che Controllo fosse superiore a Leland e a Georgiou.
  • La Sezione 31 dell'Articolo 14 della Carta della Federazione rappresenta la base legale dell'esistenza della organizzazione omonima, e ovviamente l'origine del suo nome
  • Non è chiaro da quanto tempo l'Ammiraglio fosse a bordo della nave della Sezione 31, come mai stesse viaggiando su quella nave (e non sulla Discovery o su un'altra nave della Flotta) inoltre non si capisce il modo "informale" con cui informa Pike delle scoperte sulle Esplosioni Rosse. Al contrario la Discovery dovrebbe essere informata in prima battuta su tutto quello che riguarda il fenomeno dato che è stata formalmente incaricata di studiarlo fin dall'arrivo di Pike. Abbiamo scritto qualcosa di simile in Point of Light a proposito di Sarek e non è escluso che dietro ci sia un piano di depistaggio.

YATI

  • Come capitato altre volte, anche in questo episodio si pretende di poter "incendiare" un gas nello spazio. In questo caso una parte di una nebulosa di idrogeno.
  • Ci sono parecchie assurdità sula proposito delle spore e del Piano Miceliale
    • Abbiamo detto che May è una spora che viene dall'Universo dello Specchio, quindi c'è distinzione con le spore del nostro universo, mentre sappiamo che il Piano Micelico è unico e si estendo in tutto il Multiverso
    • Se Culber è fatto di spore (infatti non può uscire dal piano micelico) perché le spore lo attaccano e la corteccia dell'albero non lo uccide? Inoltre perché le spore lo hanno ricostruito per poi attaccato?
    • la crisalide è logicamente fatta di spore dell'Universo dello Specchio: come fa a esistere fuori dal piano micelico?
    • non è chiaro di che cosa sia fatto il corpo di Culber, visto che nella crisalide non c'era materiale umano
  • Sembra piuttosto assurdo che le spore del piano micelico possano digerire il Tritanio
    • ammesso che questo sia possibile, il consumo dello scafo esterno della nave sarebbe stato così grave da farlo collassare. Da quanto dice Saru, l'integrità dello scafo era già al 78% molto prima che la nave ne uscisse ed è difficile pensare che il cosiddetto safe working load sia maggiore di 5:1.
  • Non è pensabile che la astronave di Leland abbia raggiunto lo shuttle di Spock prima della Discovery. A parte il tempo passato su Qo'noS, la nave ha fatto una puntata su Boreth che si trova in direzione opposta alla rotta di Spock (confrontare con quanto scritto a proposito della mappa stellare nell'episodio precedente)
    • A parte questo, come è possibile che la Sezione 31 abbia una sola nave per occuparsi contemporaneamente della politica Klingon, della fuga di Spock e delle Esplosioni Rosse?
  • Non ha senso che la Discovery possa essere "tirata fuori" dalla Rete Miceliale tramite un raggio traente. La nave si trova parzialmente in un'altra dimensione ed è necessario attivare la Propulsione a Spore per uscirne, appunto come si fa alla fine dell'episodio
  • Come fanno i personaggi intrappolati nella rete miceliale ad entrare nella Discovery?
  • Stamets ha sempre "visto" Culber in buone condizioni nella rete, hanno conversato ed erano entrambi a loro agio. Come mai non lo ha mai visto come appare in questo episodio?

Versione italiana

  • La battuta tra Pike e Stamets sull'eseguire il piano – riportata anche nelle Citazioni – perde di significato in italiano. Il verbo to execute è stato tradotto con eseguire, ma si perde il gioco di parole per cui lo stesso verbo inglese si può usare anche nell'accezione giustiziare, condannare a morte alludendo appunto alla pericolosità della missione.

Continuity

  • Si mettono in relazioni le Esplosioni Rosse con il viaggio nel tempo

Citazioni

Burnham: I want to have faith, but in its absence, only duty remains

Pike: So che quella ragazza rischierebbe la vita per noi
Stamets: É così, signore
Burnham: Senza esitare
Pike: Rhys, apra un canale in tutta la nave. Parla il capitano Pike. La Flotta è una promessa. Io darei la vita per voi e voi per me. Non abbandoniamo nessuno. Il guardiamarina Tilly è là fuori e ha il diritto di aspettarci. Noi manteniamo le promesse.

Pike: Stamets, è pronto a eseguire questo audace e profondamente pazzo piano? Stamets: "Eseguire" potrebbe non essere la parola giusta per me

Burnham: Se io ho un cammino, lo sto ancora cercando. Tutti noi [lo facciamo]. È così che troviamo la via: scegliendo di andare avanti insieme. E se c'è una mano più grande a condurci in un futuro incerto… posso solo sperare che ci guidi bene.

Riferimenti

Tipo etichetta non definito

Pagine che portano qui


Collegamenti esterni

Annotazioni


Navigatore Globale