Crisis Point

Da WikiTrek.
Ico-lds2.svgStagione 1 di Lower Decks
Numero di produzione: LD-1009
Première americana: {{{EpisodiData USA}}}
Première italiana: {{{EpisodiData ITA}}}
Sequenza di trasmissione:
Prima TV USA: {{{EpisodiUSA}}}
Week Of della prima trasmissione USA:
Prima TV su NBC: {{{EpisodiNBC}}}
Prima TV su UPN: {{{EpisodiUPN}}}
Prima TV su Italia Uno: {{{EpisodiI1}}}
Prima TV su (Canal) Jimmy: {{{EpisodiCJ}}}
Prima TV su Amazon Prime Video:
Prima TV su La 7: {{{EpisodiL7}}}
Prima trasmissione sulla RAI: {{{EpisodiRAI}}}
Prima trasmissione su Tele Venezia: {{{EpisodiTLV}}}
Prima TV su Telemontecarlo: {{{EpisodiTMC}}}
Prima TV su CBS All Access:
Prima TV su Netflix: {{{EpisodiNetflix}}}
Sequenza di trasmissione su Rete Quattro: {{{EpisodiR4}}}
Codice del The Next Generation Companion: {{{EpisodiCOD}}}
DVD europeo in cui è presente l'episodio:
VHS britannica dell'episodio:
Storia: Ben Rodgers
Sceneggiatura:
Screenplay: {{{EpisodiScreenplay}}}
Regia: Bob Suarez
Musica:
Produttore: {{{EpisodiProduttore}}}
Coproduttore: {{{EpisodiCoproduttore}}}
Produttore esecutivo: {{{EpisodiProd.Exec.}}}
Produttore associato: {{{EpisodiProd.Assoc.}}}
Consulente esecutivo: {{{EpisodiCons.Exec.}}}
Costo di produzione: {{{EpisodiCosto}}}
Incassi al botteghino: {{{EpisodiIncassi}}}
Durata: 25 min
Titolo nella collana La pista delle stelle: {{{EpisodiPST}}}
Titolo italiano:
Titolo italiano scelto da Telemontecarlo: {{{EpisodiIT (TMC)}}}
Titolo spagnolo:
Titolo francese:
Titolo tedesco:
Titolo giapponese:
Titolo portoghese: {{{EpisodiPT}}}
Titolo brasiliano:
Titolo afrikaans (Sudafrica): {{{EpisodiZA (af)}}}
Titolo zulu (Sudafrica): {{{EpisodiZA (zu)}}}
Sonoro: {{{EpisodiSonoro}}}
Effetti speciali: {{{EpisodiSFX}}}
Rating americano: {{{EpisodiRating USA}}}
Titolo nell'edizione italiana in DVD: {{{EpisodiDVDITA}}}
Titolo provvisorio: {{{EpisodiPRO}}}
Titolo italiano proposto dallo STIC: {{{EpisodiSTIC}}}
Data delle versioni dello script:
Data delle riprese: {{{EpisodiRIP}}}

Personaggi e interpreti

Attori ospiti

Navigatore episodi

< Precedente Successivo >
Veritas No Small Parts

Crisis Point è un episodio di Star Trek: Lower Decks.

Dopo un'ennesima disastrosa missione, Mariner viene spedita in terapia per punizione dal capitano Freeman. Alla giovane viene diagnosticato un grave caso di rabbia repressa, ma lei troverà da sola un metodo poco ortodosso per risolvere il problema. Manipolando un programma del ponte ologrammi di Boimler, Mariner si immerge in una simulazione dove lei è un personaggio malvagio determinato a distruggere il capitano Freeman.

Trama

Sulla superficie di un pianeta, Mariner sta aiutando un popolo di rettili antropomorfi a liberarsi del giogo di una razza di roditori antropomorfi che li allevano per mangiarli. Mariner è certa del supporto del suo capitano, ma, quando Freeman giunge sul pianeta, l'ufficiale è costretta a far valere la Prima direttiva e spiegare che l'intervento di Mariner non è lecito secondo il regolamento della Flotta Stellare.
Le due donne litigano a proposito del comportamento di Mariner e del trattamento ingiusto a cui la sottopone spesso Freeman: il capitano alla fine decide di punire il guardiamarina con sessioni obbligatorie di analisi con il Consigliere di bordo, Dottor Migleemo.

Freeman rispedisce Mariner sulla nave e cerca di trovare una soluzione diplomatica con gli alieni, che sembrano pronti a smettere di mangiare i rettili in cambio di replicatori alimentari.

Primo atto

Mariner si trova alla prima seduta con il dottor Migleemo il quale nota come la sua scheda sia un tripudio di rapporti per insubordinazione. La donna detesta essere lì e viene presa dall'ira quando scopre che il capitano ha deciso che i due abbiano incontri settimanali. In uno scatto d'ira, Mariner distrugge il bonsai sul tavolo del dottore e questi stabilisce che è necessario trovare una valvola di sfogo per tutta questa rabbia repressa. Suggerisce in prima battuta di dedicarsi alla preparazione della paella.

Sul ponte ologrammi, Tendi e Rutherford stanno facendo pratica di tiro al bersaglio insieme a Leonardo da Vinci, con Mariner al loro fianco, estremamente arrabbiata. Boimler giunge sul posto e spiega che, per essere meglio apprezzato dal capitano in un colloquio che avranno più tardi, ha bisogno di fare pratica con il suo programma "Boimler VII" che simula i membri dell'equipaggio della nave, grazie all'analisi e all'integrazione di sette anni dei loro diari personali. In questo programma si può interagire e fare errori fino a raggiungere il modo ottimale per approcciare i vari membri dell'equipaggio.
In pochi istanti diventa chiaro a Mariner che può utilizzare tutto il lavoro di analisi dell'equipaggio come base per una nuova simulazione di sua ideazione che a suo dire le servirà come "terapia". Nonostante le forti proteste di Boimler, Mariner completa il programma e lo avvia.

Il ponte diventa nero e scorrono i titoli di testa: inizia così il programma "Crisis Point: The Rise of Vindicta". Nonostante le proteste di Boimler, i suoi tre amici sono entusiasti di partecipare a un film e tutti vengono catapultati nella storia.

Gli ufficiali superiori della Cerritos si divertono con delle moto d'acqua sul lago Kabba per festeggiare il compleanno di Freeman. Improvvisamente tutti i membri dell'equipaggio vengono chiamati dall'Ammiraglio Vassery sulla Stazione Douglas dove gli viene assegnata una missione su Idlocana VI con lo scopo di smascherare un impostore sconosciuto che ha contattato il pianeta fingendosi ufficiale della Flotta Stellare.

Gli ufficiali salgono quindi a bordo della Cerritos, recentemente rimodernata, e si preparano a partire a curvatura verso il pianeta.

Secondo atto

Appena giunti nel sistema stellare, una nave simile a uno sparviero klingon si disocculta e il suo capitano contatta la Cerritos. Si tratta di Vindicta, un bandito spaziale interpretato da Mariner, accompagnata da Tendi, che interpreta una stereotipata regina guerriera orioniana, e da Rutherford che recita come un cyborg da combattimento con il nome di Bionic 5. Completa il gruppo un personaggio sempliciotto di nome Shempo, evidente parodia di Boimler.
Dopo una serie di preamboli teatrali, in cui Shempo viene disintegrato per la sua incompetenza, Vindicta dichiara tutto il suo disgusto per Freeman, considerata una codarda troppo ligia al regolamento che non apprezza i propri sottoposti. Dichiara infine l'intenzione di ucciderla.
Si scopre in realtà che tutto questo preambolo è una distrazione preregistrata e la vera Vindicta sta già abbordando la Cerritos con una capsula.

Vindicta si fa strada nei corridoi della nave mietendo vittime, tra cui anche Ransom, mentre Rutherford si reca in ingegneria per sfruttare l'opportunità di dire al proprio capo, Billups, tutto quello che pensa senza conseguenze.
In ingegneria, dopo che tutti hanno evacuato, Billups e Rutherford restano soli e quest'ultimo finalmente gli dice… che lo considera il miglior ingegnere della Flotta! Per timidezza non gli aveva mai detto quanto ami il modo in cui scrive le subroutine dei programmi. I due finiscono per lavorare insieme a riparare i sistemi danneggiati dagli scontri a fuoco.

Mariner e Tendi si scontrano con Shaxs che viene ucciso in maniera brutale, tanto che Tendi comincia a pensare di lasciare la storia, decidendosi infine ad abbandonare Mariner dopo il suo ennesimo discorso stereotipato sugli orioniani e dopo la sua proposta di recarsi a torturare il dottor T'Ana. Tendi esce da un arco commentando che Mariner chiaramente è uscita di senno.

Vindicta si reca quindi in plancia e vaporizza tutti i presenti tranne Freeman. Il capitano rifiuta di consegnarle la nave, ma Vindicta le dice che non è interessata alla nave e di smetterla di trattarla come se fosse il cattivo e di schierarsi sempre contro di lei. Freeman le ripete di non sapere nemmeno chi lei sia e la considera una pazza. Per tutta risposta, Vindicta attiva a distanza l'autodistruzione della sua stessa nave, danneggiando di conseguenza la Cerritos che inizia a precipitare sul pianeta.
Sottoposta a grande stress nell'atmosfera, la nave perde le gondole e la sezione ingegneria, mentre la sezione a disco rotola sulla superficie innevata del pianeta fermandosi poi su di un rilievo prima di un crepaccio.

Terzo atto

Sulla plancia semidistrutta, Freeman lancia un messaggio a tutto l'equipaggio per abbandonare il relitto il più in fretta possibile, Vindicta la affronta ancora dicendole di smettere di fingere che le importi del suo equipaggio, mentre il capitano le risponde di essere genuinamente piena di affetto per i suoi sottoposti.
In ingegneria, Rutherford spiega di aver teletrasportato tutto l'equipaggio via dalla nave prima dello schianto, Billups è incredulo, ma il cyborg gli spiega che in un film tutto è possibile e si può teletrasportare quanto e come si vuole.
Freeman e Vindicta sono impegnate in un combattimento corpo a corpo e, mentre il capitano sta per raggiungere una uscita dalla nave ormai in rovina, Vindicta riesce a fermarla e si appresta a impalarla con un'arma improvvisata. In maniera imprevista, tuttavia, la simulazione di Mariner interviene nel combattimento a difesa della madre: la fa fuggire con un teletrasporto di emergenza e si getta contro Vindicta.
Le due donne combattono intensamente, ma Vindicta riesce a parare tutti i colpi della Mariner olografica in quanto fanno parte del suo proprio repertorio e ne ha la meglio in poco tempo, scaraventandola poi più in basso sulla plancia.

L'equipaggio si è radunato in un campo improvvisato dove viene prestato aiuto ai feriti. Rutherford e Billups si scambiano complimenti e decidono di partire all'avventura insieme con una nave tutta loro dove praticare ingegneria a loro piacimento.
Boimler, ancora impegnato nella sperimentazione del migliore approccio con il capitano, porta alla sua controparte olografica un piatto di biscotti al cioccolato, scoprendo che la donna ne è allergica, ed essendo quindi attaccato da uno degli ufficiali della sicurezza come assassino.

In plancia del relitto della Cerritos, Vindicta sta per dare il colpo di grazia a Mariner che le dice che Vindicta sa molte cose su di lei, ma che ha mancato l'informazione più importante. La guardiamarina detesta il protocollo, ma non la nave e non l'equipaggio. Mariner lavora con i suoi amici e proteggerebbe la madre a ogni costo. Quando Vindicta mette in discussione questo sentimento, Mariner spiega che il capitano è dura verso di lei, certo, ma se la mandasse via dalla nave, la sua carriera nella Flotta sarebbe finita. Averla nell'equipaggio è il suo modo di tenerla sott'occhio.
Vindicta ribatte che Mariner pensa solo a sè stessa, ma lei invece conclude dimostrandole che non è così: nel tempo che si è guadagnata ha lasciato che la autodistruzione arrivasse alla fine del conto alla rovescia, sacrificando così sè stessa per eliminare Vendicta e salvare i suoi amici.

A distanza, l'equipaggio osserva la sezione a disco esplodere in una pioggia di frammenti. Nel frattempo Boimler viene gettato da una rupe per il suo apparente tentativo di assassinio del capitano.
Boimler, Rutherford e Mariner si trovano sul ponte ologrammi alla fine della simulazione. Mariner, dopo averle prese e dopo aver ascoltato le spiegazioni da sé stessa si rende conto di apprezzare tutto sommato il lavoro sulla nave e di aver sicuramente esagerato con il suo comportamento. Stabilisce che la "terapia" sul ponte ologrammi abbia funzionato e se ne va soddisfatta.

Mariner incontra poi Tendi al bar e le chiede scusa per il modo in cui l'ha trattata: lei ammette che, per essere onesti, molti orioniani sono "criminali pirati capitalisti, iper-libertariani", ma non tutti e sicuramente non lei.
Riappacificate, le due decidono di andare a sedersi a osservare il nucleo di curvatura insieme e Rutherford si aggrega con entusiasmo. In un corridoio i tre si imbattono in Freeman e Mariner le porge le sue scuse per il suo comportamento sul pianeta. Inoltre la ringrazia per tenerla sempre d'occhio. Il capitano è così sconvolta dal comportamento di Mariner che va lei stessa in analisi e chiede dettagli al dottore sulle sue sedute con la figlia. Al suo rifiuto, per ragioni etiche, anche Freeman si lascia andare ad in impeto di rabbia.

Sul ponte ologrammi, Boimler finalmente è solo e libero di proseguire nelle sue ricerche su come approcciare il colloquio con il capitano. Quando avvia la simulazione, si rende conto che The Rise of Vindicta sta ancora girando e assiste alla cerimonia funebre di Mariner dove il capitano rivela, con sorpresa di Boimler, che la giovane era in realtà sua figlia. Il capitano prosegue spiegando quanto fosse importante mantenere il segreto finchè entrambe servivano sulla stessa nave: Boimler viene preso dal panico e termina il programma.
Finalmente giunto al critico colloquio con il capitano, il guardiamarina è ancora così agitato che riesce solo a blaterare il nome di Mariner. Aggiungendo prima che è molto attraente, poi che è disgustosa. Infine Boimler fugge dalla stanza in preda all'ansia.
All'oscuro di tutto il retroscena, il capitano conclude semplicemente che Boimler è arrivato al colloquio impreparato, biasimandolo.

Nella simulazione, si vede una capsula in mezzo a una foresta e la stessa Vindicta che ne esce, ancora viva, ma Leonardo da Vinci le spara, abbattendola prima che possa fare danni.
Le ultime scene sono le firme dei personaggi della serie in blu brillante su un campo stellato.

Sezioni

In questo episodio…

  • Scopriamo che Boimler ha hackerato i diari personali di molti membri dell'equipaggio per crearne dei duplicati olografici equivalenti.
  • Abbiamo conferma definitiva che Freeman e Mariner abbiano tenuto segreto a tutti il loro rapporto di parentela.
  • Boimler scopre che Mariner è la figlia di Freeman.

Note

  • La voglia di vendetta di Mariner nella simulazione ricorda per molti versi il comportamento di Khan in Star Trek II: The Wrath of Khan.
  • Boimler fa notare l'assurdità nel fatto che Mariner possa aver scritto il copione del "film" in pochi secondi, ma lei spiega che ha inserito solo i punti fondamentali e lasciato che il computer "riempisse i vuoti".
  • La descrizione di Rutherford come "Bionic 5" ricorda la tagline del film RoboCop originale: "Part man, part machine, all cop".

YATI

  • Considerando che Boimler ha programmato le personalità in maniera precisa, è piuttosto assurdo pensare che il tenente Jet butti giù da una rupe Boimler per aver offerto dei biscotti al capitano, per lo più con il plauso di Freeman per il gesto.

47

Blooper

Okudagram

  • Per pochi secondi intorno a [T27:05] si vede Mariner scrivere il copione della sua storia olografica: nell'interfaccia LCARS si può vedere incorporato il testo con la formattazione standard del software Final Draft. questa è la stessa notazione usata anche per le "Scene tagliate" prima in HyperTrek e adesso in WikiTrek.
  • I titoli di testa del programma di Vindicta sono scritti con il solito font della Next Generation e con l'effetto warp del titolo usato nella quinta stagione della serie, con tanto di esclamazione «Ooh, nice font!». Il programma è presentato da "Mariner Holodeck programs" e i protagonisti sono elencati come i nomi dei personaggi dello show. Inoltre le lettere, quando si spostano dal campo visivo, sono solide e colpiscono Boimler in testa.
  • Al posto del puntino sulla "i" di "Boimler", è disegnata una piccola delta della Flotta Stellare.

Produzione

  • Secondo il co-produttore della serie Brad Winters, le due razze aliene viste all'inizio dell'episodio non sono Antican e Selay.[1] Mentre gli alieni oppressi in effetti sono diversi da quelli visti in Lonely Among Us, il prigioniero ha un aspetto davvero simile a quello degli Antican sollevando qualche dubbio tra i fans.

Versione Italiana

Continuity

Citazioni

Riferimenti

Episodi

Pianeti

Pagine che portano qui


Collegamenti esterni

Annotazioni


Navigatore Globale