Guerra Klingon-Federale del 2256

Da WikiTrek.
Jump to navigation Jump to search
Iconaguerra.svgGuerra Klingon-Federale (2256)
Descrizione breve: {{{Breve}}}
Casus belli: Uccisione colposa del torchbearer da parte di Michael Burnham
Data: 22562257
Luogo: Quadranti Alfa e Beta
Esito: cessate il fuoco poco prima della capitolazione della Federazione

Schieramenti belligeranti

Federazione dei Pianeti Uniti Impero unificato Klingon

Comandanti

Federazione dei Pianeti Uniti Impero unificato Klingon

Forze

Federazione dei Pianeti Uniti Impero unificato Klingon
incerte incerte

Perdite

Federazione dei Pianeti Uniti Impero unificato Klingon
Circa 20.000 caduti
Approssivamente un terzo della Flotta Stellare distrutta
incerte

La Guerra Klingon-Federale del 2256 è un conflitto scaturito dalla Battaglia delle Stelle Binarie tra una flottiglia di navi delle 24 casate Klingon e un gruppo di navi della Flotta Stellare. Le ostilità si sono protratte per circa un anno fino al 2257.
Nei primi sei mesi la Federazione perse 8.186 persone, numero salito oltre 20.000 alla fine delle ostilità. Approssimativamente un terzo della Flotta Stellare venne distrutta nel corso della guerra.

Descrizione

Cronologia

2256

Battaglia della Stella Binaria

Attack on Corvan II

Battle at Pahvo

2257

Surriscaldamento di Kelfour VI

In data stellare 4789.6, una flottiglia di navi Klingon lanciò alcune cariche ipotermiche verso il pianeta Kelfour VI.
La conseguente esplosione vaporizzò l'atmosfera uccidendo istantaneamente 11.000 civili.[1]

Attacchi alle basi stellari

In data stellare 4851.5 una nave Klingon occultata segue la USS Saratoga NCC-1937 nell'hangar della Base Stellare 22 e rilascia il contenimento dell'antimateria provocando una detonazione devastante.
Nei giorni successivi, attacchi analoghi avvengono sulla Base stellare 11 e sulla Base stellare 19

Attacchi alle colonie

Nivalla, Septra e Iridin

Cattura della Base Stellare 1

Tattica

Mappa della situazione tattica della Guerra Klingon-Federale del 2256 come appariva intorno alle date stellari 2136.8 - 2137.2 (Magic to Make the Sanest Man Go Mad).

Intorno alle date stellari 2136.8-2137.2 – ovvero durante i fatti narrati in Magic to Make the Sanest Man Go Mad – la guerra sembra interessare solo una parte molto ristretta del confine fra la Federazione e i Klingon, probabilmente la parte più densa di infrastrutture e personale, ovvero la parte del Quadrante Beta che racchiude approssimativamente la Terra (più vicina al centro galattico, verso il cuore della Federazione) e Qo'noS (più lontano dal centro, nella direzione opposta dei mondi centrali della federazione). In questo spazio, tutto sommato limitato considerando l'estensione della Federazione e dell'Impero Klingon, si svolge la maggior parte dell'azione.

In un primo momento della guerra sembra che l'avanzata Klingon fosse rallentata, forse per ragioni interne dovute al lento raccoglimento intorno all'Impero unitori di Kol, forse per l'azione efficace della Discovery con il suo propulsore a spore.

Mappa della situazione tattica della Guerra Klingon-Federale del 2256 come appariva nel 2257 (The War Without, The War Within).

Dopo il ritorno della Discovery dall'Universo dello Specchio, la situazione per la federazione è molto peggiorata: la Federazione ha perso il 20% del suo territorio.

Apparentemente l'avanzato Klingon ha permesso loro di arrivare ai margini dei sistemi stellari di Andoria e Vulcano, quindi a un passo anche dal Sistema Solare.

Sezioni

YATI

  • In tutte le mappe mostrate sugli schermi della Discovery (anche riprodotte qui sopra), Andoria, Vulcano e la Briar patch sono chiaramente mostrate nel Quadrante Alfa, ma questo è sbagliato. Si è sempre detto in Star Trek – ed è chiaramente mostrato in Star Trek Star Charts, per esempio – che la Terra determina il confine fra i due quadranti: le mappe sbagliano quindi la posizione dei quadranti.

Citazioni

Michael Burnham: There were triumphs, victories of spirit, courage beyond reason. But make no mistake, these were bleak times. Times we cannot repeat. Times we cannot forget.

Riferimenti

Collegamenti esterni

Annotazioni