Absolute Candor

Da WikiTrek.
Ico-pic.SVGStagione 1 di Picard
Numero di produzione: 104
Première americana: {{{EpisodiData USA}}}
Première italiana: {{{EpisodiData ITA}}}
Sequenza di trasmissione:
Prima TV USA: {{{EpisodiUSA}}}
Week Of della prima trasmissione USA:
Prima TV su NBC: {{{EpisodiNBC}}}
Prima TV su UPN: {{{EpisodiUPN}}}
Prima TV su Italia Uno: {{{EpisodiI1}}}
Prima TV su (Canal) Jimmy: {{{EpisodiCJ}}}
Prima TV su Amazon Prime Video:
Prima TV su La 7: {{{EpisodiL7}}}
Prima trasmissione sulla RAI: {{{EpisodiRAI}}}
Prima trasmissione su Tele Venezia: {{{EpisodiTLV}}}
Prima TV su Telemontecarlo: {{{EpisodiTMC}}}
Prima TV su CBS All Access:
Prima TV su Netflix: {{{EpisodiNetflix}}}
Sequenza di trasmissione su Rete Quattro: {{{EpisodiR4}}}
Codice del The Next Generation Companion: {{{EpisodiCOD}}}
DVD europeo in cui è presente l'episodio:
VHS britannica dell'episodio:
Storia: Michael Chabon
Sceneggiatura:
Screenplay: {{{EpisodiScreenplay}}}
Regia: Jonathan Frakes
Musica:
Produttore: {{{EpisodiProduttore}}}
Coproduttore: {{{EpisodiCoproduttore}}}
Produttore esecutivo: {{{EpisodiProd.Exec.}}}
Produttore associato: {{{EpisodiProd.Assoc.}}}
Consulente esecutivo: {{{EpisodiCons.Exec.}}}
Costo di produzione: {{{EpisodiCosto}}}
Incassi al botteghino: {{{EpisodiIncassi}}}
Durata: 44min
Titolo nella collana La pista delle stelle: {{{EpisodiPST}}}
Titolo italiano: L'assoluta Verità
Titolo italiano scelto da Telemontecarlo: {{{EpisodiIT (TMC)}}}
Titolo spagnolo:
Titolo francese:
Titolo tedesco:
Titolo giapponese:
Titolo portoghese: {{{EpisodiPT}}}
Titolo brasiliano:
Titolo afrikaans (Sudafrica): {{{EpisodiZA (af)}}}
Titolo zulu (Sudafrica): {{{EpisodiZA (zu)}}}
Sonoro: {{{EpisodiSonoro}}}
Effetti speciali: {{{EpisodiSFX}}}
Rating americano: {{{EpisodiRating USA}}}
Titolo nell'edizione italiana in DVD: {{{EpisodiDVDITA}}}
Titolo provvisorio: {{{EpisodiPRO}}}
Titolo italiano proposto dallo STIC: {{{EpisodiSTIC}}}
Data delle versioni dello script:
Data delle riprese: {{{EpisodiRIP}}}

Personaggi e interpreti

Attori ospiti straordinari

Attori ospiti

Attori co-protagonisti

Attori in ruoli non accreditati

Navigatore episodi

< Precedente Successivo >
The End is the Beginning Stardust City Rag

Absolute Candor è un episodio della prima stagione di Star Trek: Picard.

Lungo la rotta per Freecloud, Picard decide una deviazione verso Vashti, uno dei pianeti dove l'ammiraglio aveva aiutato a trasferire una parte dei romulani evacuati. Nonostante le obiezioni da parte del suo equipaggio, Picard ha il dovere di incontrare un vecchio amico e di chiedere il suo aiuto.
Al Sito di Recupero, Soji Asha indaga ancora sul mistero di Ramdha e Narek deve lottare perché la sua missione prosegua come ha previsto.

Trama

Nel 2385 Picard si trova sul centro di insediamento romulano su Vashti. Il villaggio è pieno di vita e, quando l'ammiraglio si materializza sulla superficie, in tanti gli si fanno incontro per chiedere notizie sulla supernova e sul piano di ricollocazione. Picard li assicura che la Federazione dei Pianeti Uniti darà loro il massimo supporto e non li abbandonerà.

Picard si reca poi nella casa delle Qowat Milat dove incontra le sorelle e un ragazzino di nome Elnor. Elnor è timido, ma molto affezionato a Picard, che identifica come una figura paterna: quest'ultimo mostra di avere sostanzialmente superato la sua difficoltà nel trattare con i bambini ed è affettuoso. Picard ha portato doni per tutti e assicura Elnor che leggeranno insieme I tre moschettieri.
Picard passa poi a ringraziare a nome della Federazione sorella Zani per l'aiuto offerto nel ricollocamento di 10.000 rifugiati, per lei Picard ha portato un vassoio di dolci.

Più tardi, Picard discute con Zani come debba essere difficile per Elnor vivere come unico maschio in una casa piena di donne, dato che la Qowat Milat è una organizzazione solo femminile. Zani risponde che Elnor lì è amato, ma non sarà mai a casa. Picard conclude che troverà al più presto una collocazione definitiva per il ragazzo.
Il giorno dopo, durante un giocoso allenamento di scherma con Elnor, Picard viene contattato da Raffi Musiker e viene a sapere dell'attacco dei Sintetici su Marte.
Colpito e preoccupato dalla notizia, Picard saluta tutti e torna sulla sua nave promettendo di ritornare presto.

Primo atto

A bordo de La Sirena, Agnes Jurati raggiunge Cristóbal Rios e gli manifesta la sua noia. La donna dice di essersi messa in pari con le pubblicazioni degli ultimi due anni di Journal of Theoretical Cybernetics, di aver annaffiato le piante del capitano e si è dedicata agli oloprogrammi di bordo che però, stranamente, includono solo Opera Klingon. Rios è piuttosto disinteressato alle lamentele della dottoressa e continua la lettura del suo libro favorito.
Improvvisamente giunge sul posto Raffi Musiker che chiede come mai la nave ha modificato la rotta, al che Rios spiega che Picard ha richiesto una deviazione verso Vashti.

Picard si trova nella sala ologrammi dove Hospitality, l'ennesimo ologramma con le sembianze di Rios, ha creato una fedele riproduzione dello studio di Picard alla tenuta con l'aiuto di Zhaban che gli ha fornito le opportune scansioni. Picard si stupisce dalla presenza di un intrattenitore olografico su una nave come La Sirena, ma l'ologramma gli risponde che lui viene fornito con l'installazione standard e che in effetti i suoi servigi sono raramente necessari.
In rapida successione, Musiker, Rios e Jurati si uniscono al capitano per una tazza di té. Musiker è arrabbiata per il cambio di rotta, Picard le dice che anche lui è ansioso di raggiungere Freecloud, ma sa che potrebbe non tornare più in questa zona di spazio e che deve approfittarne per sistemare le cose.
Rios fa notare che il Settore Qiris pullula di attività criminale ed è nelle mani di signorotti della guerra come Kar Kantar che in pratica controlla il settore grazie a un antiquato sparviero romulano.
Musiker rimprovera Rios per non aver messo Picard al corrente della situazione, ma lui si aspettava che l'ammiraglio ne fosse già al corrente. Picard pensa che il settore sia sotto la protezione dei Fenris Rangers, ma Rios lo corregge dicendo che non sono in grado di mantenere l'ordine a causa della carenza di risorse.

Musiker fa anche notare che Vashti è la casa di molti membri del Movimento di Rinascita Romulano e che Picard troverà difficoltà nell'ottenere aiuto dalle Sorelle della Qowat Milat. Jurati esprime confusione e Musiker le spiega che Picard vuole recarsi sul pianeta per arruolare un assassino mercenario. L'ammiraglio chiarisce immediatamente che i Qowat Milat non sono assassini e non possono essere assoldati.
Picard spiega invece che Qowat Milat sono tra i migliori combattenti che lui abbia mai incontrato e che persino la Tal Shiar li teme; inoltre sono loro a scegliere di chi mettersi al servizio.
Musiker si approccia a Picard e gli spiega di capire come i recenti avvenimenti con Dahj abbiano risvegliato in lui un interesse verso Elnor, tuttavia lo invita a concentrarsi su una cosa alla volta. Picard le spiega che potrebbe non tornare mai più in questa zona di spazio e che non può perdere questa opportunità.

Al Sito di Recupero Soji Asha sta rivedendo la registrazioni di un vecchio talk-show romulano dove Ramdha, come ospite, racconta del Ganmadan, ovvero il giorno dell'annientamento. Sarà il giorno in cui la vita cesserà ovunque e quando i demoni risponderanno alla chiamata di Seb-Cheneb, il Distruttore. Ricordando l'appellativo, usato verso di lei dalla donna in precedenza, Soji resta turbata.

La Sirena arriva in orbita intorno a Vashti: Musiker riporta la presenza di un sistema di difesa orbitale. Si tratta di un prodotto di seconda mano, acquisito e installato grazie all'aiuto dei Fenris Rangers, ma comunque efficace. Ogni mezz'ora si apre una finestra per permettere il traffico interstellare: le navi che hanno ricevuto il relativo permesso possono entrare, mentre vascelli non autorizzati vengono colpiti.
Musiker spiega di aver contattato le autorità per ottenere il lasciapassare spiegando che a bordo c'è Jean-Luc Picard, ma che la dichiarazione non ha fatto grande impressione. Su richiesta di Picard, Rios suggerisce che un contributo finanziario sarà sicuramente bene accetto.

Picard riesce infine a teletrasportarsi sulla superficie. La situazione che trova è molto diversa rispetto a quella dei tempi del reinsediamento dei Romulani. La colonia sembra versare in cattivo stato e nessuno nemmeno restituisce il saluto. Tuttavia Picard viene notato dagli avventori di una locanda affacciata sulla strada e uno di loro si affretta a segnalare la presenza dell'ammiraglio.
Picard si reca alla casa delle Qowat Milat dove il suo arrivo desta sorpresa, ma dove è accolto con calore. Picard e Zani si scambiano convenevoli e l'ammiraglio le chiede aiuto per la sua missione.
In quel momento giunge sul posto Elnor, ormai un uomo adulto, che resta pietrificato alla vista di Picard.

Secondo atto

Terzo atto

Picard si riavvicina a Elnor e gli riassume brevemente i fatti accaduti fin dall'apparizione di Dahj nella sua vita. Elnor gli fa notare che la sua missione è piena di incognite: dove si trovi la seconda sorella, se Bruce Maddox sia effettivamente dove loro pensano, se sia ancora vivo, se li possa aiutare, il livello di coinvolgimento della Tal Shiar… tutte informazioni sconosciute.
Elnor capisce che Picard ha bisogno di qualcuno, ma non capisce perchè abbia bisogno di lui specificamente. L'ammiraglio gli risponde che Elnor è giovane e forte, che gli è stato suggerito da Zani e che la sua missione soddisfa i requisiti della Qowat Milat. Elnor si arrabbia e rinfaccia a Picard di essere tornato da lui solo perchè ne ha bisogno, dopo averlo abbondato tanti anni prima. Il ragazzo si chiede perchè non dovrebbe fare la stessa cosa e se ne va piantando in asso Picard.

Picard si mette in contatto con La Sirena per segnalare di essere pronto a fare ritorno e viene informato che la prossima finestra per il trasporto sarà 7 minuti dopo. Nell'attesa l'ammiraglio nota un bar dove un evidente cartello segnala che vengono serviti solo romulani. Picard lo calpesta e si siede a uno dei tavoli cercando invano di poter ordinare.
Gli avventori del bar diventano ostili verso di lui, in particolare l'ex senatore Tenqem Adrev che ricorda bene Picard in quanto era presente durante il suo discorso al Senato.

Quarto atto

Al Sito di Recupero Romulano, Narissa Rizzo si introduce nell'alloggio di Narek e lo sveglia chiedendogli come vanno le cose con la sua "amica robot". Narek non risponde alle provocazioni della donna e le spiega che è interessato solo alla ossessione di Soji per Ramdha, a scoprire cosa è successo al cubo dopo aver assimilato la Shaenor e perchè il suo equipaggio ne è uscito mentalmente disturbato.
Rizzo esprime ancora frustrazione per via dei suoi lenti progressi, ma Narek spiega che pressare troppo la ragazza potrebbe attivarla portando a un confronto potenzialmente distruttivo come sulla Terra con Dahj. Nonostante a Rizzo non dispiacerebbe vederla morta, Narek spiega di nuovo che tutti devono morire e che lei deve prima rivelare dove si trovano. Rizzo conclude che Narek ha ancora una settimana di tempo per provare, prima che lei intervenga con i suoi metodi.

Lo Sparviero di Kar Kantar arriva in orbita intorno a Vashti e ingaggia La Sirena. Il suo dispositivo di puntamento è primitivo e la nave di Rios è più agile, ma l'astronave romulana resta la più veloce quindi la fuga non è una opzione. Inoltre la griglia di difesa planetaria è una ulteriore fonte di preoccupazione.
Rios attiva Emmet, l'Ologramma di Emergenza Tattica perché si occupi di fare fuoco sulla nave nemica mentre lui manovra. La Sirena viene spinta verso il pianeta dal nemico, ma prima che diventi un bersaglio per le difese planetarie, un'altra astronave entra nella battaglia contro lo Sparviero.
La nave romulana deve soccombere allo scontro contro le altre due, ma riesce comunque a mettere a segno un ultimo colpo sulla nave sconosciuta danneggiandola gravemente.

Musiker annuncia che il pilota della nave sta chiamando La Sirena, Picard ordina di metterla in comunicazione, prima di accorgersi che deve essere Rios a dare il comando. Il capitano dà il suo assenso e Musiker riporta che il pilota sta chiedendo di essere trasportata a bordo in quanto la sua nave si sta disintegrando. Emmet interviene dicendo che è un rischio per la sicurezza, ma la situazione è critica e il teletrasporto viene avviato appena in tempo prima che la nave si schianti sullo scudo planetario.
In plancia, sotto l'occhio vigile di Elnor, si materializza inaspettatamente una donna, Sette di Nove, immediatamente riconosciuta da Picard, che sviene per via di alcune ferite riportate in combattimento.

Sezioni

In questo episodio…

  • Questo è il primo episodio della serie in cui compaiono tutti i personaggi protagonisti.
  • La nave di Picard non si vede nè viene nominata. Da Star Trek: Picard - Countdown sappiamo che si tratta della USS Verity NCC-97000, una nave di Classe Odyssey.
  • A Picard si fa notare che, non avendo potuto salvare tutti, si è rassegnato a non salvare nessuno. Questa affermazione fa il paio con gli inviti insistenti di Raffi Musiker nel teaser dell'episodio precedente a fare qualcosa per i romulani anche senza il supporto della Flotta Stellare, cosa che l'ammiraglio ha ritenuto assolutamente impossibile.
  • Sentiamo una descrizione della situazione politico-militare dell'ex Impero Romulano a 12 anni di distanza dalla distruzione di Romulus: pare che l'intenzione di costituire un nuovo potere centralizzato che rappresenti tutti i Romulani lontano dal pianeta natale della specie si stia scontrando con gli egoismi di gruppi di potere locali e signori della guerra, dando luogo di fatto ad una frammentazione politica.
  • L'ologramma Ospitalità sbaglia a pronunciare il nome di Zhaban e lo chiama Cheebon, molto simile al cognome di Michael Chabon, sceneggiatore dell'episodio e produttore della serie.
  • Quando Narek introduce a Soji il finto "rituale Borg", lei si dimostra confusa e fa uno scatto con la testa verso destra che replica esattamente un atteggiamento di Data visto tante volte nella Star Trek: The Next Generation

Note

  • Strano che la colonia romulana non abbia un qualche tipo di "stazione" per ricevere i teletrasporti e che Picard, sia nel passato che nel presente, si debba trasportare alla buona in mezzo alla strada.
  • Si dice che la colonia conti 250.000 abitanti, si tratta quindi di una città di medie dimensioni. Le scene che vediamo, anche nel passato, tuttavia, ci mostrano una piccola comunità rurale che ci ricorda di più il villaggio dei Ba'ku piuttosto che una metropoli di un popolo tecnologicamente avanzato come i Romulani.
  • Picard ringrazia Zani per l'aiuto offerto nel collocare 10.000 rifugiati. Non è chiaro quale tipo di aiuto le sorelle abbiano offerto in quanto loro stesse sono profughe, spostate appunto dall'organizzazione di Picard.
  • Nel press kit della prima stagione di Star Trek: Picard, nella scheda di Elnor, si dice che Vashti era originariamente una colonia umana sul margine della Zona Neutrale Romulana. Visto quanto detto nell'episodio a proposito della pericolosità del quadrante, ci fa pensare che la Federazione abbia affidato tutta questa parte di spazio ai romulani. In base a quanto dice Zani, inoltre, sul pianeta evidentemente esistono ancora coloni umani.
  • Il cartello su Vashti che manifesta come l'accesso alla locanda sia permesso ai soli romulani è scritto in inglese (Only Romulans), il che può sembrare un po' insolito, visto che a seguito dei fatti mostrati nell'episodio, gli abitanti avrebbero avuto ragione di credere che nessun cittadino della Federazione avrebbe più avuto interesse a rimetterci piede.
    Su di un portone si vede poi un analogo cartello (No Romulans), di cui non si capisce bene la contestualizzazione, visto che la colonia sembra abitata unicamente da appartenenti a tale specie.

YATI

  • Picard ha detto in The End is the Beginning di non essersi sentito mai veramente a casa nella sua tenuta, eppure in questo episodio, poche ore dopo la partenza, Picard sente il bisogno di ricreare il suo studio per sentirsi a casa.

47

Blooper

  • Quando Picard mette in pausa la simulazione olografica di casa sua, il fuoco del caminetto continua ad ardere.
  • Nei dialoghi si chiarisce che il sistema di difesa planetario di Vashti è stato installato in tempi relativamente recenti, tuttavia la griglia è già visibile nel teaser ambientato nel 2385. Evidentemente il rendering digitale del pianeta è stato riutilizzato così com'era nelle due epoche.

Okudagram

Produzione

Versione Italiana

  • Picard parla del salvataggio di un quarto di milione di Romulani, espressione che nella nostra lingua di fatto non si utilizza mai, a differenza dell'inglese a quarter million. Si pensi ai multipli e ai sottomultipli delle unità di misura dei sistemi metrico ed imperiale; nel primo caso si considerano quasi unicamente potenze di 10, nel secondo caso spesso si fa uso delle potenze di 2, per esempio parlando di quarti e di ottavi di pollice piuttosto che di millimetri.

Continuity

Citazioni

Musiker (a Picard): But you remember what we used to say back then? “One impossible thing at a time”.

Riferimenti

Episodi

Pianeti

Pagine che portano qui


Collegamenti esterni

Annotazioni


Navigatore Globale