Ask Not

Da WikiTrek.
Dsc.pngStagione 2 di Short Treks
Numero di produzione: 203
Première americana: {{{EpisodiData USA}}}
Première italiana: {{{EpisodiData ITA}}}
Sequenza di trasmissione:
Prima TV USA: {{{EpisodiUSA}}}
Week Of della prima trasmissione USA:
Prima TV su NBC: {{{EpisodiNBC}}}
Prima TV su UPN: {{{EpisodiUPN}}}
Prima TV su Italia Uno:
Prima TV su (Canal) Jimmy: {{{EpisodiCJ}}}
Prima TV su La 7: {{{EpisodiL7}}}
Prima trasmissione sulla RAI: {{{EpisodiRAI}}}
Prima trasmissione su Tele Venezia: {{{EpisodiTLV}}}
Prima TV su Telemontecarlo: {{{EpisodiTMC}}}
Prima TV su CBS All Access: giovedì 14 novembre 2019
Prima TV su Netflix:
Sequenza di trasmissione su Rete Quattro: {{{EpisodiR4}}}
Codice del The Next Generation Companion: {{{EpisodiCOD}}}
DVD europeo in cui è presente l'episodio:
VHS britannica dell'episodio:
Storia: Kalinda Vazquez
Sceneggiatura:
Screenplay: {{{EpisodiScreenplay}}}
Regia: Sanji Senaka
Musica:
Produttore: {{{EpisodiProduttore}}}
Coproduttore: {{{EpisodiCoproduttore}}}
Produttore esecutivo: {{{EpisodiProd.Exec.}}}
Produttore associato: {{{EpisodiProd.Assoc.}}}
Consulente esecutivo: {{{EpisodiCons.Exec.}}}
Costo di produzione: {{{EpisodiCosto}}}
Incassi al botteghino: {{{EpisodiIncassi}}}
Durata:
Titolo nella collana La pista delle stelle: {{{EpisodiPST}}}
Titolo italiano:
Titolo italiano scelto da Telemontecarlo: {{{EpisodiIT (TMC)}}}
Titolo spagnolo:
Titolo francese:
Titolo tedesco:
Titolo giapponese:
Titolo portoghese: {{{EpisodiPT}}}
Titolo brasiliano:
Titolo afrikaans (Sudafrica): {{{EpisodiZA (af)}}}
Titolo zulu (Sudafrica): {{{EpisodiZA (zu)}}}
Sonoro: {{{EpisodiSonoro}}}
Effetti speciali: {{{EpisodiSFX}}}
Rating americano: {{{EpisodiRating USA}}}
Titolo nell'edizione italiana in DVD: {{{EpisodiDVDITA}}}
Titolo provvisorio: {{{EpisodiPRO}}}
Titolo italiano proposto dallo STIC: {{{EpisodiSTIC}}}
Data delle versioni dello script:
Data delle riprese: {{{EpisodiRIP}}}

Personaggi e interpreti

Attori protagonisti

Attori co-protagonisti

Navigatore episodi

< Precedente Successivo >
The Trouble with Edward The Girl Who Made the Stars

Ask Not è un episodio della seconda stagione di Star Trek: Short Treks.
La Cadetta Thira Sidhu si trova sulla Base stellare 28 durante un attacco dei Tholiani. A peggiorare una situazione già critica, le viene assegnato il compito di vigilare su un prigioniero molto speciale, accusato di ammutinamento.

Trama

Un attacco dei Tholiani sta mettendo a dura prova la Base stellare 28, la Cadetta Thira Sidhu cerca di coordinarsi con le Operazioni, ma viene messa KO da una esplosione delle consolle nel suo ufficio.

Primo Atto

Due ufficiali della sicurezza scortano un prigioniero incappucciato nella stanza, mentre Sidhu si riprende dall'esplosione. I due spiegano che, a causa delle esplosioni, le celle sul ponte 4 non sono raggiungibili e quindi il prigioniero è temporaneamente affidato alla cure della donna. Alle domande della Cadetta, l'ufficiale alla sicurezza risponde che il prigioniero è accusato di ammutinamento e che è mascherato per evitare che il resto dell'equipaggio veda di chi si tratti.

All'uscita dei due ufficiali, la cadetta si stupisce di vedere il capitano Christopher Pike: questi inizia subito a dare ordini alla donna per comprendere la situazione tattica.
Sidhu si rifiuta di obbedirgli e gli intima di allontanarsi da una consolle, sedersi e stare zitto. Pike si sposta e inizia a raccontare quanto successo nelle ultime ore.
La USS Enterprise NCC-1701 ha intercettato una richiesta di soccorso dalla USS Bouman, la cadetta è turbata al sentire il nome della nave. Pike continua spiegando che la nave risultava non operativa: un ammiraglio a bordo è riuscito a inviare un messaggio codificato spiegando come un gruppo di Tholiani avesse preso il controllo della nave e avesse contato sull'intervento della Enterprise: si trattava dunque di una trappola per catturare la nave ammiraglia. Nonostante gli ordini dell'ammiraglio, Pike prende la decisione di aiutare l'equipaggio della Bouman. Dopo aver salvato l'ammiraglio, Pike fu sollevato dal comando per volersi opporre ai suoi ordini di abbandonare la Bouman e il suo equipaggio.

Pike ricorda infine che Sidhu aveva tentato l'assegnazione alla sezione ingegneria dell'Enterprise, vedendone poi rifiutata, insieme al marito: lui è un membro dell'equipaggio della Bouman. Pike ricorda anche che i due furono gli unici sopravvissuti a un attacco tholiano su Berellium due anni prima.
Pike si appella allora all'amore del cadetto e le dice di nuovo di liberarlo perché insieme possano andare in soccorso del marito: usando la Enterprise come esca, Pike li può distrarre e poi distruggere salvando nel contempo la Bouman e il suo equipaggio.

Pike cerca di convincere Sidhu citando vari regolamenti, ma la donna riconosce tutti come semplici scappatoie e si rifiuta categoricamente. Alla fine Pike decide di darle un ordine diretto e minacciarla di rovinare la sua carriera se non obbedirà.
Il tentativo finale di Pike è di forzare la porta della stanza, ma Sidhu lo fa desistere, phaser alla mano.
Colpito dalla risolutezza della donna, Pike si libera da solo dalle manette e dichiara conclusa la simulazione. Il capitano si scusa per tutta la pena e rassicura Sidhu sul fatto che il marito stia bene. Il capitano le spiega che era necessario assicurarsi che lei avrebbe onorato il suo impegno verso la Flotta indipendentemente dalla situazione. Sidhu chiede allora come mai Pike si sia dato tanta pena in prima persona, al che il capitano la convoca in sala teletrasporto, dopo essersi sistemata.

Secondo Atto

Pike e Sidhu si materializzano in sala teletrasporto della Enterprise dove vengono accolti da Spock e da Una. Pike annuncia che Sidhu trascorrerà il semestre a bordo della nave e scopriamo che l'elaborata simulazione era un piano di Una per testare in condizioni estreme la tenuta mentale della cadetta.
Pike accompagna Sidhu in sala macchine dove sarà assegnata per i prossimi mesi e le spiega che, se affronterà la battaglia come ha fatto durante il test, tutto andrà per il meglio.
La cadetta chiede infine al capitano se il phaser che aveva durante la simulazione fosse operativo, ma il capitano evade la domanda con un sorriso e saluta Sidhu.

Sezioni

In questo episodio…

  • Vediamo per la prima volta un teaser in uno Short Treks
  • Vengono citati vari regolamenti, alcuni già sentiti in altri episodi di altre serie e altri nuovi:
  • Pike parla più volte di "guerra" e "battaglia", quasi come se si fosse durante un conflitto, tuttavia sappiamo che la Enterprise si trovava lontano dal fronte durante la Guerra Klingon-Federale del 2256
  • Sembra che i Tholiani siano estremamente belligeranti verso la Federazione, da diversi anni, per di più, eppure in The Tholian Web nessuno sulla Enterprise sembra prendere in considerazione questi fatti.
  • Vediamo la sala macchine della Enterprise "re-immaginata": si tratta di uno spazio molto vasto al cui centro ritroviamo una struttura abbastanza simile al Reattore materia/antimateria cui siamo abituati da Star Trek: The Next Generation in poi, diversamente dalle fantasiose creazioni della Kelvin Timeline. Dopo Such Sweet Sorrow, Part 2, rivediamo i droni DOT-7, questa volta apparentemente con uno scopo pratico.
  • Con meno di 8 minuti di lunghezza questo è il più breve degli Short Treks e la produzione di Star Trek più breve di sempre.

Note

  • La base dove si svolge la riunione vista all'inizio di Choose Your Pain è identificata dai sottotitoli di Netflix come Base stellare 28 curiosamente questo accade solo per le lingue che non siano l'inglese e la dicitura non è riportata nemmeno nei CC di CBS All Access. La stessa base invece è splicitamente citata in Ask Not. Da notare che, nei due casi, sullo schermo la base stellare è orientata in due modi diversi, mentre sappiamo che in Star Trek il "sopra" e il "sotto" di veicoli e habitat spaziali è identificato univocamente dal polo nord galattico.
  • Molto strano che la cadetta Sidhu non si sia insospettita al racconto di Pike:
    • Sembra una incredibile coincidenza che un singolo incidente abbia coinvolto lei, la nave del marito e la nave dove entrambi avrebbero voluto servire.
    • Ancora più incredibilmente, lo stesso incidente coinvolge i Tholiani a cui Sidhu e il marito erano sfuggiti durante un attacco due anni prima
    • La storia del salvataggio dell'ammiraglio e della successiva fuga della Enterprise fa acqua da tutte le parti
    • Un capitano dell'importanza di Pike si ricorda della scheda personale di un cadetto a cui è stato rifiutata l'assegnazione alla Enterprise
  • A parte la simulazione, sembra assurdo che un semplice cadetto venga testato da Pike, accolto da Una e Spock e poi addirittura accompagnato in ingegneria di nuovo dal capitano.
  • Testare le persone sotto stress non è una novità per la Flotta Stellare: Wesley Crusher vivrà una situazione molto simile in Coming of Age. Anche il test della Kobayashi Maru prevede una situazione critica in combattimento. Anche Deanna Troi è sottoposta a un test di questo genere in Thine Own Self

Okudagram

  • Su uno schermo si vedono due navi stellari di Classe Constitution attraccate alla Base Stellare

YATI

  • L'ufficiale alla sicurezza passa un phaser a Sidhu lanciandoglielo. Si tratta di un comportamento imprudente e potenzialmente pericoloso che un vero professionista non terrebbe.
  • Appellarsi alla Reserve Activation Clause non è una scappatoia alla situazione in corso, ma si tratta di un vero e proprio errore. Lo è per due ragioni: Sidhu non è un ufficiale e Pike non è congedato, ma momentaneamente in arresto

Blooper

  • Quando Sidhu intima a Pike di stare zitto e sedersi, il primo piano su di lei la mostra con il phaser spianato a braccio esteso, nell'inquadratura successiva si vede il braccio a riposo e il phaser puntato a terra. In quella ancora successiva, si vede di nuovo il braccio steso

Produzione

Citazioni

Sidhu: My husband knew what he signed up for, when he joined Starfleet. So I did.

Spock: We've all learned to expect no mercy from Number One.
Una: 🤨

Pagine che portano qui


Collegamenti esterni

Annotazioni


Navigatore Globale