Children of the Comet

Da WikiTrek.
Jump to navigation Jump to search
Ico-SNW.SVGStagione 1 di Strange New Worlds
Stagione:1
Scritto da:
Regista:Maja Vrvilo
Data stellare:2912.4
Numero di produzione:102
Data di pubblicazione originale: (Paramount+)
Anno della timeline:2259
Personaggi e interpreti DT
Attori co-protagonisti

Attori ospiti

Navigatore
< PrecedenteSuccessivo >
Strange New Worlds Ghosts of Illyria

Modifica i dati nella pagina della entità su DataTrek

Children of the Comet è un episodio della stagione 1 di Star Trek: Strange New Worlds.

La Enterprise è impegnata in una missione di routine quando incontra una cometa in rotta di collisione con un pianeta abitato. Una squadra scientifica sulla superficie del corpo farà scoperte straordinarie. A complicare la situazione, però, interverrà un avanzato vascello di alieni che hanno una visione diversa a proposito della cometa.
La avventurosa missione si sovrapporrà alle vicende personali del giovane cadetto Nyota Uhura.

Trama

Primo atto

Secondo atto

Terzo atto

Quarto atto

Sezioni

In questo episodio…

  • Spock scoppia a ridere, forse in riferimento a The Cage, nel quale è presente effettivamente una scena in cui il vulcaniano sorride, ripresa poi da The Menagerie.
  • Veniamo a sapere da Pike che la Federazione ha una politica di non interferenza con civiltà meno sviluppate, ma non le lascia semplicemente morire. C'è quindi una marcata differenza tra questa affermazione quanto abbiamo visto in altri episodi (marcatamente Star Trek Into Darkness, ma anche Homeward): in questo caso sembra che l'Ordine Generale 1 sia una questione solo pratica (non farsi vedere dagli alieni) e non invece una principio più profondo. Si veda a questo proposito anche quanto scritto nella scheda di New Eden.

Note

  • Questo episodio ha diversi punti in comune con Destiny: una cometa di passaggio rischia di causare un danno molto grave, il primo tentativo di risoluzione da parte della Flotta Stellare fallisce portando ad un peggioramento della situazione, in seguito però si riesce a trovare una soluzione trasformando il rischio iniziale in un miglioramento dell'ambiente con cui ha interagito la cometa. In entrambi i casi, il comportamento del corpo celeste viene dichiarato essere frutto di qualcosa di deciso molto tempo prima. Anche il fatto che, a fine episodio, la cometa sembri aver previsto il futuro, ricorda la non linearità del tempo come percepito dagli alieni del wormhole bajoriano.
  • Uhura dice che ha dovuto imparare 37 lingue in quanto in Kenya ce ne sono 22 native, e per farsi capire da tutti è stato necessario. Però in Broken Bow si era fatto intendere da T'Pol che l'inglese fosse ormai lingua franca per tutti gli Umani: avrebbe più senso pensare ad una sua scelta culturale (si pensi a Enrique Muniz in The Ship, o più recentemente a Cristobal Rios in Star Trek: Picard) piuttosto che dettata da una necessità.

47

YATI

  • Come spesso accade in Star Trek e non solo (benché non sempre, un controesempio notevole è la battaglia in Shattered Mirror), i primi colpi che subisce l'Enterprise diminuiscono di parecchio la tenuta della nave, con gli scudi che scendono fino al 25% e l'esplicito avvertimento da parte dell'ufficiale tattico che un altro colpo potrebbe distruggere il vascello. Tuttavia, mentre l'Enterprise si muove per posizionarsi nei pressi della cometa, il nemico va ulteriormente a segno in misura molteplice, senza che ciò paia nemmeno avere un particolare effetto sulle delicate manovre che sta mettendo in atto la nave.

Citazioni

Pike: The Federation doesn't interfere in the development of species, but we also don't just let them die.

Continuity

Produzione

Riferimenti

Riferimenti diretti

Riferimenti inversi

Collegamenti esterni

Interwiki

Identificativi esterni

  • 53077, Identificativo TV Show Transcripts

Annotazioni


Navigatore Globale