Children of the Comet

Da WikiTrek.
Jump to navigation Jump to search

Ico-SNW.SVGStagione 1 di Strange New Worlds
Titolo italiano:Figli della cometa
Stagione:1
Numero di produzione:102
Data di pubblicazione originale: (Paramount+)
Data di pubblicazione in Italia: (Paramount+)
Scritto da:
Regista:Maja Vrvilo
Data stellare:2912.4
Anno della timeline:2259
Personaggi e interpreti DT
Attori ospiti

Attori in ruoli non accreditati

Attori co-protagonisti

Navigatore
< PrecedenteSuccessivo >
Strani nuovi mondi Fantasmi di Illyria

Modifica i dati nella pagina della entità su DataTrek

Children of the Comet è un episodio della stagione 1 di Star Trek: Strange New Worlds.

La Enterprise è impegnata in una missione di routine quando incontra una cometa in rotta di collisione con un pianeta abitato. Una squadra scientifica sulla superficie del corpo farà scoperte straordinarie. A complicare la situazione, però, interverrà un avanzato vascello di alieni che hanno una visione diversa a proposito della cometa.
La avventurosa missione si sovrapporrà alle vicende personali della giovane cadetta Nyota Uhura.

Trama

La cometa C/2260-Quentin sta passando all'interno del Sistema Persefone ed è visibile ad occhio nudo dagli alieni di uno dei suoi pianeti. La Enterprise sta svolgendo una missione di indagine scientifica sulla cometa.
A bordo, Nyota Uhura si sta dirigendo verso l'alloggio del capitano Christopher Pike dove è stata invitata per cena; lungo il percorso incontra Erica Ortegas che le ha giocato un brutto tiro: le aveva precedentemente detto di presentarsi in Uniforme di Gala, ma in realtà la serata è del tutto informale, ma ora è troppo tardi per tornare indietro a cambiarsi. Ortegas le spiega che Pike preferisce avere incontri informali con membri dell'equipaggio a ogni livello per capire come stia funzionando la nave, Uhura è preoccupata in quando sa di essere poco diplomatica nella conversazione.
Giunti nella cabina, Pike e Una le accolgono con ilarità: rotto il ghiaccio, Uhura si dirige verso il Commandante Hemmer, un Aenar, che ricopre il ruolo di Ingegnere Capo, e gli offre aiuto, credendolo un disabile. Spock spiega a Uhura che ha offeso Hommer: pur essendo non vedente, questi ha sensi molto sviluppati oltre che capacità telepatiche che sfiorano la precognizione.

Dopo che Pike racconta una divertente vicenda dei suoi giorni da Guardiamarina, il discorso di sposta su Uhura. La giovane donna si è fatta notare per la sua grande facilità di comunicazione, avendo imparato ben 37 lingue – di cui 22 solo del suo nativo Kenya. Pike chiede alla giovane Cadetta dove si vede in dieci anni nel futuro, venendo subito assalito dall'angoscia per il suo stesso futuro. Uhura risponde di non esserne del tutto certa e di non sapere nemmeno se resterà nella Flotta Stellare, con grande sorpresa di Pike. Uhura spiega che la sua destinazione originale era la Università di Nairobi, dove insegnavano i suoi genitori: la loro morte in un incidente aereo le ha impedito di andare a quel campus per i troppi ricordi negativi. La Flotta Stellare è stata quindi la sua "seconda scelta", suggerita dalla nonna, ex-ufficiale, per proseguire lo studio dei linguaggi alieni.
Pike è colpito dalla trsite storia personale e dall'onestà della donna e le augura di trovare il suo posto, qualunque esso sia.

Poco più tardi, Uhura e Spock scambiano alcune parole dopo la cena e il vulcaniano rassicura Uhura a proposito del fatto che il capitano, così come lui stesso, apprezzano la sincerità. Aggiunge però che la Flotta stellare rappresenta un sogno per molti e che farebbe meglio a lasciare posto ad altri, se questa non è la strada che vuole percorrere.

Una sta aiutando Pike a rassettare e gli fa notare che le sue solite domande ai cadetti a proposito del loro futuro sono suonate diverse dal solito e domanda se questo abbia a che fare con la sua conoscenza del futuro. Pike conferma e le confessa anche di conoscere i nomi dei cadetti che nel futuro salverà, compromettendo la sua salute in maniera irreversibile. Pike li ripete spesso per "mantenerlo in rotta", ma Una si rifiuta di credere che non ci sia scampo a un tale destino. I due vengono interrotti da una chiamata urgente di Spock.

Spock ha scoperto che la cometa impatterà Persefone III distruggendo la sua biosfera e provocando sicuramente l'estinzione dei Deleb, alieni intelligenti indigeni del pianeta. La loro società primitiva non è in grado di riconoscere il pericolo, tanto meno di evitarlo, ma Spock propone di usare propulsori a ioni per variare l'orbita della cometa quanto basta per impedirne l'impatto. La'an propone di usare dei siluri fotonici come veicolo di lancio e Pike le dice di lavorare con Hemmer.

Poche ore dopo tutto è pronto per il lancio, con sorpresa di tutti, però, quando i siluri arrivano in prossimità della superficie della cometa, un campo di forza impedisce l'avvicinamento.

Primo atto

Nella Sala Tattica, Una spiega che sembra che la cometa non ospiti forme di vita, nè risponde ai tentativi di contatto della Enterprise. Scansioni più approfondite, tuttavia, hanno rilevato una struttura di grande dimensioni che si sviluppa prevalentamente sotto la superficie. Pike nota che si tratta di una cometa con scudi come una astronave e strutture come un pianeta: chiede all'esperto esoarcheologo George Samuel Kirk se abbia mai incontrato una situazione del genere e questi risponde negativamente. Spock spiega che gli scudi del corpo celeste sembrano reagire solo a oggetti dotati di grande velocità, mentre il teletrasporto sembra possibile: il capitano ordina dunque a La'an, Spock, Kirk, e Uhura di prepararsi per una missione sulla superficie.

Chapel spiega alla squadra di sbarco che la cometa è bombardata da alti livelli di raggi cosmici, di conseguenza somministra un farmaco ai suoi colleghi per mitigarne gli effetti per circa due ore. Il quartetto si arma e si reca poi in sala teletrasporto, raggiungendo infine la superficie della cometa.
Uhura è inizialmente sopraffatta dalla situazione, essendo la sua prima missione di sbarco, per lo più su di un corpo celeste così peculiare, poco dopo tuttavia il gruppetto può proseguire compatto verso una parte della struttura sotterranea. Si trovano in una camera dotata di atmosfera respirabile dove al centro campeggia una grande struttura ovoidale con la superficie finemente scolpita.
Uhura e Kirk si avvicinano per analizzare il manufatto ed eventualmente interpretarne eventuali segni, ma si verifica un accumulo di energia notato da Spock che tuttavia non riesce ad avvertire i colleghi in tempo: Kirk tocca la struttura e una scarica lo scaraventa lontano, senza sensi.
Kirk è in condizioni critiche, ma Spock lo rianima grazie alla funzione di defibrillatore del suo tricorder: non appena stabilizzato, la squadra chiede un teletrasporto di emergenza, ma gli scudi della cometa si sono alzati impedendo un aggancio. A peggiorare la situazione, anche le comunicazioni vengono tagliate del tutto.

Secondo atto

Terzo atto

Quarto atto

Sezioni

In questo episodio…

  • Spock scoppia a ridere, forse in riferimento a The Cage, nel quale è presente effettivamente una scena in cui il vulcaniano sorride, ripresa poi da The Menagerie.
  • Veniamo a sapere da Pike che la Federazione ha una politica di non interferenza con civiltà meno sviluppate, ma non le lascia semplicemente morire. C'è quindi una marcata differenza tra questa affermazione quanto abbiamo visto in altri episodi (marcatamente Star Trek Into Darkness e Homeward): in questo caso sembra che l'Ordine Generale 1 sia una questione solo pratica (non farsi vedere dagli alieni) e non invece una principio più profondo. Si veda a questo proposito anche quanto scritto nella scheda di New Eden.
  • Scopriamo che Nyota Uhura è cresciuta vicino al Lago Simbi e che parla 37 lingue.
  • Il Capo Ingegnere Hemmer pronuncia le sue prime battute, anche se si è imbarcato sulla nave alla fine dell'episodio precedente: è la prima volta che un attore legalmente non vedente recita come protagonista in Star Trek.
  • Vediamo i primi segni di una infatuazione dell'infermiera Chapel verso Spock.
  • Vediamo che i Tricorder hanno una funzione di defibrillazione: il sensore remoto serve da elettrodo, anche se non si capisce bene come possa scorrere la corrente senza un secondo elemento.

Note

  • Diagramma della struttura ed elementi orbitali della cometa C/2260-Quentin
    Diagramma della struttura ed elementi orbitali della cometa C/2260-Quentin
    La designazione della cometa è C/2260-Quentin: sembra che la classificazione di tali corpi segua lo standard in uso dal 1994 in poi, anche se mancano i dettagli della data di scoperta (l'anno dovrebbe essere seguito da una lettera e un numero). Se fosse effettivamente così, la cometa sarebbe non-periodica (indicato da C/), cosa che tuttavia è in contrasto con il "periodo" mostrato nella schermata del computer. Sarebbe inoltre stata scoperta nel 2260, ma sembra che questo episodio sia ambientato nel 2259; l'incongruenza, tuttavia, potrebbe non essere tale se "2260" si riferisse ad una data stellare. "Quentin" potrebbe essere un riferimento a "Quentin Coldwater" protagonista della serie The Magicians a cui ha precedentemente lavorato Henry Alonso Myers.
  • La prima scritta in alto dello schermo dice Ready Room Viewscreen confermandoci che il compartimento dove si tengono le riunioni non è propriamente una "sala riunioni", ma quella che su altre navi chiameremmo "sala tattica", o forse una stanza che assolve due compiti insieme.
  • La massa e la densità della cometa sembrano[1] corrispondere esattamente ai valori reali della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, nota al grande pubblico per essere la destinazione della Sonda Rosetta.
  • Questo episodio ha diversi punti in comune con Destiny: una cometa di passaggio rischia di causare un danno molto grave, il primo tentativo di risoluzione da parte della Flotta Stellare fallisce portando ad un peggioramento della situazione, in seguito però si riesce a trovare una soluzione trasformando il rischio iniziale in un miglioramento dell'ambiente con cui ha interagito la cometa. In entrambi i casi, il comportamento del corpo celeste viene dichiarato essere frutto di qualcosa di deciso molto tempo prima. Anche il fatto che, a fine episodio, la cometa sembri aver previsto il futuro, ricorda la non linearità del tempo come percepito dagli alieni del wormhole bajoriano.
  • Uhura dice che ha dovuto imparare 37 lingue in quanto in Kenya ce ne sono 22 native, e per farsi capire da tutti è stato necessario. Però in Broken Bow si era fatto intendere da T'Pol che l'inglese fosse ormai lingua franca per tutti gli Umani: avrebbe più senso pensare ad una sua scelta culturale (si pensi a Enrique Muniz in The Ship, o più recentemente a Cristobal Rios in Star Trek: Picard) piuttosto che dettata da una necessità. Si noti inoltre che in Kenya si parlano quasi 70 lingue: sembra inverosimile che si siano ridotte a sole 22 in due secoli.
  • Spock dice di conoscere il gioco dello Yahtzee
  • Vengono citate le manovre Escape Pattern April Omega 3, riferimento probabile a Robert April e Evasive Pattern Ortegas Gamma 1, evidentemente inventato dalla navigatrice della Enterprise.
  • Reazione degli scudi della Enterprise
    Reazione degli scudi della Enterprise
    Gli scudi della nave sembrano essere "aderenti" allo scafo, non a forma di ellissoide come in Star Trek: The Next Generation e Star Trek: Deep Space Nine. Si veda a proposito anche quanto scritto nella scheda della Protostar.
  • I cadetti che saranno salvati da Pike si chiamano Dusty Swender, T’quiel Dawn, Muliq Al Alcazar, Yuuto Hoshide e Andrea Lopez. Un po' strano (e inquietante) vedere la facilità con cui Pike ha avuto accesso a schede personali di bambini senza averne nessun titolo apparente.
  • Il fatto che le comete possano influenzare l'idrosfera di un pianeta ha fondamento scientifico[2].

47

  • Secondo le loro schede, i futuri cadetti Dusty Swender, T’quiel Dawn e Muliq Al Alcazar sono nati nel 2247 (gli altri due nel 2248).

YATI

  • Quando Uhura si accorge che Spock e Hemmer si stanno prendendo gioco di lei, li spiazza pronunciando una frase in Aenar: evidentemente il traduttore universale ha smesso di tradurre proprio al momento giusto!
  • Decisamente illogico "spedire" i propulsori a ioni con dei siluri fotonici. Intanto i propulsori a ioni sono dispositivi complessi e ingombranti che non è chiaro come possano essere adattati a dei siluri. In secondo luogo, i siluri fotonici sono armi pensate per portare una testata esplosiva e danneggiare un bersaglio: atterrare su di un corpo celeste per depositare un carico utile non è proprio quello per cui sono stati progettati. Anche ammesso che questo sia fattibile, come farebbero i propulsori a ioni a "scaricarsi" dai siluri, posizionarsi correttamente, ancorarsi alla superficie ed avviarsi? Un compito così complesso avrebbe dovuto essere svolto da un equipaggio sulla superficie, coadiuvato da navette o Workbee.
  • Molto poco sensato rappresentare gli elementi orbitali della cometa usando gli anni solari e le unità astronomiche: sono misure fortemente incentrate sulla Terra che non hanno senso in un ambiente multi-specie come quello della Flotta Stellare.
  • La'an lancia una pistola phaser a Spock poco prima che il gruppo si rechi in sala teletrasporto. Questo è un comportamento pericoloso che un vero professionista nel campo della sicurezza non terrebbe mai.
  • Quando la squadra di sbarco viene teletrasportata sulla superficie della cometa, all'esterno della struttura, si sente il rumore dei passi anche se la cometa, esternamente, è priva di alcuna atmosfera.
  • Come spesso accade in Star Trek e non solo (benché non sempre, un controesempio notevole è la battaglia in Shattered Mirror), i primi colpi che subisce l'Enterprise diminuiscono di parecchio la tenuta della nave, con gli scudi che scendono fino al 25% e l'esplicito avvertimento da parte dell'ufficiale tattico che un altro colpo potrebbe distruggere il vascello. Tuttavia, mentre l'Enterprise si muove per posizionarsi nei pressi della cometa, il nemico va ulteriormente a segno in misura molteplice, senza che ciò paia nemmeno avere un particolare effetto sulle delicate manovre che sta mettendo in atto la nave.
  • Incredibile che la nave aliena non sia stata captata dai sensori della Enterprise finché non si è trovata a qualche chilometro di distanza.
  • Nonostante sia evidente che la astronave aliena sia meno manovrabile della Enterprise e che abbia la massima potenza di fuoco in direzione frontale, inspiegabilmente la nave della Flotta manovra sempre standole di fronte.

Versione Italiana

  • Shepherd è tradotto in Pastori.

Citazioni

Uhura: Guess I kind of blew it in there, huh?
Spock: Not at all, Cadet. The captain values honesty, as do I.
Uhura: But…?
Spock: But I would say to you that Starfleet has been a lifelong dream for many, myself included. If it is not your path, you might consider making way for someone else who wants to walk it.

Una: I've seen you ask that cadet question a hundred times. Tonight it felt different. Is it because of what you told me, about what you saw on Boreth?
Pike: Turns out, knowing your future kind of takes the fun out of imagining it.
Una: Chris, have you considered that maybe your fate isn't written?
Pike: Dusty Swender. T'quiel Dawn. Muliq Al Alcazar. Yuuto Hoshide. Andrea Lopez. I could keep going. These are the kids I save when it happens. You know their names. Lately, I've been saying them over and over again, like a reminder. Stay the course, save their lives.
Una: I refuse to believe there isn't another way.

Pike: Anyone want to tell me how a comet puts up a force field?

Pike: The Federation doesn't interfere in the development of species, but we also don't just let them die.

Chapel: You ready for this?
Spock: I am more than capable of managing any pain you can induce.
Chapel: Mr. Spock! Now you're just toying with me.
Spock: That was not my intention.
Chapel: I've noticed.

Continuity

Produzione

  • Dettaglio delle uniformi in uso in Star Trek: Strange New Worlds
    Dettaglio delle uniformi in uso in Star Trek: Strange New Worlds
    Dettaglio delle uniformi mediche in uso in Star Trek: Strange New Worlds
    Dettaglio delle uniformi mediche in uso in Star Trek: Strange New Worlds
    Nella puntata di The Ready Room successiva all'episodio Children of the Comet la Costume Designer Bernadette Croft ha mostrato alcuni dettagli delle nuove divise. Tutte hanno una microstampa sulle braccia: la Sezione comando ha una stella ricamata, la Sezione scientifica ha un pianeta e la Sezione ingegneria ha una spirale. La sezione medica ha uniformi diverse: quella bianca ha una microincisione di croci grigie, mentre l'uniforme azzurra ha le stesse croci di un tono diverso di blu, un colletto nero spesso e una falda apribile sul lato destro tenuta da una chiusura magnetica.
  • Nella puntata di The Ready Room successiva a questo episodio la Costume Designer Bernadette Croft ha dichiarato che la serie si svolge nel 2256. Sembra molto strano, visto che, benché on-screen non sia stato (perlomeno ancora) enunciato alcun anno, sappiamo che The Vulcan Hello e Battle at the Binary Stars sono ambientati nel maggio 2256, Context Is for Kings nel novembre 2256 (sei mesi dopo), ed al termine di What's Past Is Prologue si scopre di aver viaggiato nel futuro per nove mesi, cioè di essere (almeno) nel 2257. Tenuto conto che la serie è ambientata dopo la seconda stagione di Star Trek: Discovery, l'anno 2256 deve essere terminato da un pezzo, anche senza l'informazione dell'ambientazione nel 2259 proveniente da altre fonti.

Riferimenti

Riferimenti diretti

Riferimenti inversi

Collegamenti esterni

Interwiki

Identificativi esterni

  • 53077, Identificativo TV Show Transcripts

Annotazioni