Grounded

Da WikiTrek.
(Reindirizzamento da LD-3001 - Grounded)
Jump to navigation Jump to search

Ico-lds.SVGStagione 3 di Lower Decks
Titolo italiano:Bloccati
Stagione:3
Numero di produzione:LD-3001
Data di pubblicazione originale: (Paramount+)
Data di pubblicazione in Italia: (Amazon Prime Video)
Scritto da:Chris Kula
Regista:Jason Zurek
Anno della timeline:2381
Personaggi e interpreti DT
Attori ospiti

Attori ospiti straordinari

Navigatore
< PrecedenteSuccessivo >
Primo Primo Contatto Il gioco meno pericoloso

Modifica i dati nella pagina della entità su DataTrek

Grounded è l'episodio di apertura della terza stagione di Star Trek: Lower Decks.

Mentre il capitano Carol Freeman si deve difendere in aula dalla accuse di terrorismo, Beckett Mariner inventa un piano rocambolesco per scagionare la madre, con l'aiuto, suo malgrado, dei suoi amici e colleghi.

Trama

In casa di suo padre, ammiraglio Alonzo Freeman, Beckett Mariner è adirata perchè sembra dai notiziari che il capitano Freeman sia già ritenuta colpevole per la distruzione del Pianeta Pakled. Insensibile ai consigli del padre, che le ricorda come il "sistema" alla fine farà giustizia, la giovane donna decide di andare da sola in aiuto della madre.

Primo atto

Mariner si reca da Bradward Boimler presso il suo vigneto di famiglia a Modesto, California. Il giovane guardiamarina si dice subito d'accordo a mettere in atto qualche azione di aiuto verso Freeman, spiegando che farebbe qualsiasi cosa pur di non lavorare nell'azienda di famiglia che produce uva passa (non uva da vino come pensava Mariner).
Boimler è stupito che tutti pensino alla colpevolezza di Freeman, ma Mariner spiega che i diari di bordo della Cerritos sono risultati corrotti a campo di detriti Lapaeriano: Boimler le risponde che i suoi diari personali contengono tutte i dettagli del diario di bordo più informazioni sue personali: queste copie si trovano nella memoria di un DiPAD nella cuccetta di Boimler.
Mariner è entusiasta di questa notizia, ma nessuno dei due è sicuro in quale bacino di carenaggio si trovi la Cerritos: entrambi giungono alla conclusione che un ingegnere, e in particolare Samanthan Rutherford, saprà sicuramente dove si trova esattamente.

Rutherford e D'Vana Tendi sono a cena al "Cisco's Creole Kitchen", il ristorante di Joseph Sisko: l'ingengere sta portando l'amica Orioniana in giro per il pianeta a mostrarle tutti i luoghi importanti mai visitati da tendi durante la sua permanenza all'Accademia della Flotta Stellare dove ha solo studiato ininterrottamente senza mai lasciare San Francisco.
Raggiunti da Boimler e Mariner, anche loro cercano di convincere la guardiamarina che il sistema dimostrerà l'innocenza della madre, ma lei insiste che è in atto un piano per incastrarla. Rutherford conferma infine di avere le coordinate del bacino dove è ormeggiata la Cerritos, ma che lo si può raggiungere solo grazie a un teletraposrto specifico e protetto.

Il quartetto si reca nel complesso dove si trovano i teletrasporti speciali e pianificano di usare l'elemento sorpresa per avere la meglio sull'operatore dell'installazione, Carlton Dennis un veterano della Sicurezza della Flotta Stellare. una volta entrati i quattro di trovano davanti un anziano simpatico signore che li accoglie con gentilezza. I guardiamarina non se la sentono di portare avanti il loro piano, ma Denny in realtà è più che conscio della stranezza della loro presenza sul posto e, a phaser spianato, intima loro di raccontare la verità.

Dop oaver ascoltatao tutta la storia, Denny spiega di essere d'accordo che qualcosa non torna nel processo a Freeman, d'altra parte fa notare di non potere aiutare i giovani, pur volendolo fare, per via dei verugamenti: una sciame di piccoli organismi sapziali che sta passando vicino alla terra e, per via di una energia intrinseca, impediranno per qualche tempo i teletrasporti da e per la Terra.
Tendi menziona una fallita gita a Bozeman e Danny speiga come la ricostruzione del primo volo a curvatura sia stata fatta a perfezione, addirittutra con una replica funzionante della Phoenix: Mariner si rende conto che questa è una soluzione "facile" al loro problema.

Una volta giunti nel luogo storico dove Zefram Cochrane ha avviato il suo primo, storico, volo, tutti sono entusiasti nel vedere uan riproduzione storica così fedele, compresa la replica della astronave che decolla davanti ai loro occhi

Secondo atto

Saliti a bordo della replica della Phoenix i quattro guardiamarina prendono il comando della navigazione dopo aver lasciato l'atmosfera causando panico in un giovane che occupava il quinto posto dei passeggeri, Gavin.
Rutherford e Mariner mdoficano la rotta e attivano al curvatura per rportars ioltre l'orbita lunare dove infine trovano il bacino che ospita la Cerritos.
dopo che i quattro protagonisti lasciano la Phoenix per imbarcarsi sulla Cerritos, Gavin decide di prendere il controllo della replica ed esplorare la Galassia in autonomia.
Boimler fa strada ai loro alloggi dove trova il DiPAD, come previsto: Mariner si affretta a consultarlo, constatando che i dati sono intatti, ma l’aspetta una doccia fredda. Il diario di Boimler, infatti, infarcisce le note formali del diario di bordo con informazioni personali, piccoli contrattempi e altre minuzie che lo fanno sembrare quasi una parodia, con ben poca speranza di essere accettata in tribunale.
Rutherford fa notare che, al di là delle informazioni "aggiuntive" di Boimler, il diario fornirà l'opportuna documentazione per dimostrare l'innocenza di Freeman.

Tutti si recano nell'hangara navette, ma Mariner, con uno stratagemma, scende dallo shuttle, e lo fa partire con i suoi tre colleghi a bordo e con la destinazione preprogrammata verso la Terra.
Contattata sulla plancia, Mariner spiega di essere sicura che i diari non basteranno come prova e vuole quindi trovare i Klingon che hanno fornito la bomba ai Pakled per scagionare in maniera convincente la madre. Mariner si appresta quindi a rubare la Cerritos senza coinvolgere i suoi colleghi.

Terzo atto

A bordo della navetta Joshua Tree, Boimler inventa un espediente per tornare a bordo della Cerritos: invece di forzare il blocco al sistema di navigazione, fa alcune modifiche al database degli oggetti per fare credere al computer che il pianeta Terra sia in realtà la Cerritos. Il trucco funziona e, nonostante un atterraggio a dir poco dure, i tre guardiamarina tornano a bordo e si precipitano in plancia per fermare Mariner. Questa si batte con le unghie e con i denti, ma Rutherford riesce a bloccarla fuori dai sistemi di comando.
Mariner si deve arrendere all'evidenza e si lascia andare a una confessione molto emotiva spiegando che teme di perdere sua madre con questo processo, ma i suoi amici le si stringono intorno dandole speranza e fiducia.
Nel frattempo Tendi nota che i verugamenti si stanno raccogliendo sullo scafo della nave dove un ambiente ricco di carbonio ha catalizzato il loro ciclo riproduttivo.

Una pattuglia della Sicurezza chiama la Cerritos e chiede che cosa stia facendo la nave in quella situazione, tendi con sangue freddo speiga che stanno compiendo osservazioni naturalistiche complesse e delicate sui verugamenti. La scusa ha senso, ma la sicurezza annuncia comunque che salirà a bordo per una verifica più approfondita. Tendi chiude la comunicazione, dice ai colleghi di aprire le paratie degli hangar e di recarvisi insieme a lei.

Quando gli ufficiali della sicurezza entrano nell'hangar navette, la scena che si para loro davanti è caotica data la natura gelatinosa delle creature e l'energia emessa dai loro tentacoli. I quattro guardiamrina, insozzati e continuamente pungolati, spiegano di stare aiutando gli esseri spaziali a scambiarsi materiale biologico per favorirne la riproduzione. I due ufficiali mostrano soddisfazione per il grande entusiasmo dei giovani e chiedono solo il nome dell'ufficilae comandante che ha autorizzato la missione, informazione da verbalizzare per completare l'ispezione.

Dopo un momento di panico dei quattro, a sorpresa nell'hangar fa il suo ingresso il Capitano Freeman accompagnata da Shaxs, T'ana e l'Ammiraglio Freeman. Il capitano conferma di essere lei ad aver autorizzato la missione e l'incidente si chiude con la ripartenza della pattuglia dalla Cerritos.

Mariner salta al collo del capitano, felice i rivederle e le chiede se sia fuggita, ma l'ammiraglio le spiega che il processo è terminato con tutte le accuse ritirate. Il capitano racconta come, durante il processo, un task force della Flotta Stellare comandata dal capitano Morgan Bateson abbia indagato su un noto falasario di supporti di memoria. Sottoposto a interrogatorio da parte di Tuvok, lo Zakdorn ha confessato di aver manipolato la registrazione video per sostituire la figura di Freeman a quella di un Pakled. Si scopre finalmente che i Pakled hanno bombardato il loro stesso pianeta con l'intenzione di scaricare la responsabilità sulla Federazione, per convincerla a impiegare tutti i mezzi necessari per spostare il popolo Pakled su un pianeta più ricco di risorse.
Freeman conclude spiegando che il piano avrebbe potuto funzionare se non fosse stato per il puntuale lavoro investigativo della Flotta. Mariner è stupita, ma tutti si affrettano a ricordarle di averle detto più e più volte di avere fiducia nel sistema.

Mariner pensa quindi di poter chiudere la faccenda, ma Mariner le dice di seguirla in sala tattica mentre ordina agli altri tre guardiamarina di occuaparsi degli organismi alieni.
Nel suo ufficio Freeman spiega che, nonostante le sue buone intenzioni, i metodi di Mariner la faranno finire fuori dalla Flotta: dato che la Cerritos è la sua ultima possibilità di rimanere nell'organizzazione, il capitano affida la guardiamarina alla diretta supervisione di Jack Ransom, che deciderà infine sulla sua sorte, con grande pena della giovane.

Nell'orbita di Giove, un Runabout ha intercettato la replica della Phoenix e due ufficiali della Flotta stanno tentando di sbarcare Gavin con la forza.

Sezioni

In questo episodio…

  • Introduzione breve che viene trasclusa
    Introduzione breve che viene trasclusa
    Per la prima volta in Star Trek: Lower Decks vediamo la sequenza di apertura che ha debuttato in Strange New Worlds (episodio): in questo caso la astronave che "disegna" il logo della Flotta è la Cerritos e una delle nebulose ha la forma del famigerato koala.
  • Veniamo a conoscenza del nome completo dell'Ammiraglio Freeman: Alonzo Freeman detto amichevolmente "Zo"
  • Scopriamo che la famiglia di Bradward Boimler possiede vigneti presso Modesto (città della california effettivamente nota per i vigneti) che Mariner pensa essere coltivazioni di uva da vino, ma invece si tratta di uva passa. Si tratta ovviamente di una parodia della Famiglia Picard e dei loro vigneti. Veniamo inoltre a sapere che nei campi lavorano molte giovani donne apparentemente tutte intente a sedurre Boimler, senza alcun successo.
  • Boimler dice chiaramente che i suoi capelli sono tinti di viola
  • Si dice che la città capitale del Pianeta dei Pakled si chiama "Big Strong City", ovvero "Città forte e grande"
  • La Regina Pakled vista in The Spy Humongous viene arrestata. La regnante è evidentemente salita al livello di leader dei Pakled in seguito a quanto successo in quell'episodio.
  • Per la prima volta vediamo (seppur in versione animata) la statua di Zefram Cochrane descritta da Geordi La Forge e il cui modellino appare nell'ufficio di Jonathan Archer sulla Enterprise NX-01

Note

  • La replica della Phoenix ha la capacità di entrare in orbita senza necessità di un razzo booster che, in origine, era un immaginario Titan V
  • Il reparto di ufficiali della Sicurezza della Flotta è stazionato in una base stellare di tipo "Regula 1", che fa intercettare la Cerritos da due Caccia della Federazione di Classe Peregrine
  • Il capitano Morgan Bateson comanda una nave stellare di Classe Akira
  • Il falsario che ha manipolato la registrazione video è uno Zakdorn
  • Si dice che un ragazzino abbia dimostrato l'Ultimo teorema di Fermat. Ricordiamo che questo teorema è già stato citato in The Royale e Facets ed è stato in realtà dimostrato nel 1993 dal matematico Andrew Wiles: dato che quest'ultimo ha usato strumenti matematici moderni – non disponibili a Fermat ai suoi tempi – è possibile che quel ragazzino abbia riscoperto la dimostrazione originale di Fermat, che al momento è ancora sconosciuta.
  • La data stellare 58018.7, da cui partono le registrazioni di Boimler, risale a poco prima dell'azione vista in Mugato, Gumato

47

Okudagram

Blooper

YATI

  • La salsa servita al ristorante si chiama "Ketracel Hot White", un chiaro rimando al Ketracel bianco, la droga sintetica con cui i Fondatori controllano i Jem'Hadar. La boccetta indica un valore di 17.000.000 SHU: SHU è una unità di misura realmente esistente che identifica le Scoville Heat Units. Quel valore posiziona la salsa ben oltre la sostanza più piccante conosciuta (la Resiniferatossina): non sarebbe considerata adatta al consumo (umano) e Mariner non potrebbe rimanerne indifferente.
  • Anche per gli standard di Lower Decks il modo in cui viene dirottata la Phoenix è piuttosto sciocco. Rutherford apre un pannello e aggancia un connettore per cambiare rotta, mentre Mariner preme pulsanti a caso per avviare al curvatura. Ci saremmo aspettati un qualche sforzo di programmazione o l'interfacciamento di un tricorder o qualche altro dispositivo, almeno.
  • La presentatrice della FNN dice «We'll talk to the little boy who solved Fermat's last theorem», ma la sfida del teorema non è una soluzione, quanto una dimostrazione.

Versione Italiana

  • Il titolo italiano non rende correttamente il gioco di parole originale: grounded indica la messa a terra di chi fa parte del personale imbarcato (su un velivolo, un vascello o un veicolo spaziale) e insieme significa colloquialmente "in castigo"
  • è corretto non tradurre "Brix" che è una unità di misura in uso anche in italiano.

Continuity

  • Durante la trasmissione della FNN, si vedono alcune notizie brevi scorrere sotto il video, cosa comune anche nelle TV all-news contemporanee:
  • James Cromwell torna dopo oltre 20 anni in Star Trek a impersonare Zefram Cochrane: in questo caso come un suo ologramma sulla Phoenix. Era apparso l'ultima volta nella saga in Broken Bow con scene inedite e in In a Mirror, Darkly - Part I riutilizzando scene da Star Trek: First Contact.
  • Pur senza nessuna battuta, appaiono in versione animata sia Morgan Bateson (apparso in Cause and Effect) e Tuvok, protagonista di Star Trek: Voyager. Sappiamo quindi che entrambi sono ancora in servizio nella Flotta e in buona salute: in particolare abbiamo conferma che Tuvok abbia curato la malattia neuro-degenerativa che lo affliggeva.
  • In maniera un po' affrettata, questo episodio conclude la saga dei Pakled iniziata nell'ultimo episodio della prima stagione. Si scopre finalmente che gli stessi Pakled sono responsabili della distruzione del loro pianeta nella speranza che la Federazione li avrebbe rilocati in un pianeta più ricco di risorse.
  • Tendi e Rutherford stanno cenando nel ristorante "Sisko’s Creole Kitchen", il ristorante di Joseph Sisko. Rutherford indossa un maglione identico a quello spesso portato da Jake Sisko

Citazioni

Genevieve: Hey, Bradward. Want to test the sweetness of my bushel?
Boimler: Ugh, fine, Genevieve. Just give it 43 more sun hours at 21 degrees brix.
Genevieve: Oh, okay.
Mariner: Uh, when you said your family had vineyards, I just assumed it was for wine.
Boimler: Oh, I wish. No, we Boimlers dry grapes. Just dry them and dry them and dry them till they're all shriveled and hopeless and stuck on Earth forever.
Mandolina: Bradward, all these varietals are so confusing. Take me to the privacy of the pickery shed and explain them to me.
Boimler: Come on, Mandolina, red goes in the red bucket, white in the white, you know that.

Lianne: Bradward, I'm soaked in juice, and I need help getting naked.
Boimler: Just spray off with the hose, Lianne.

Produzione

Riferimenti

Riferimenti diretti

Riferimenti inversi

Collegamenti esterni

Interwiki

Identificativi esterni

Annotazioni