Preludes

Da Wikitrek.
(Reindirizzamento da Preludi)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Ico-PRO.SVGStagione 1 di Prodigy
Titolo italiano:Preludi
Stagione:1
Numero di produzione:PRO116
Data di pubblicazione originale: (Paramount+)
Data di pubblicazione in Italia: (Paramount+)
Scritto da:
Regista:
Data stellare:61396.4
Anno della timeline:2384
Posizione nella lista:16

Modifica i dati nella pagina della entità su DataTrek

Preludes è un episodio della prima stagione di Star Trek: Prodigy.

L'ammiraglio Kathryn Janeway e il Comandante Tysess stanno cominciando a mettere insieme i pezzi del puzzle e si rendono conto che gli occupanti della Protostar non sono semplice ladri, ma giovani rimasti invischiati in un'affare più grande di loro.
Sulla Protostar fervono le riparazioni alla Propulsione a Proto-Curvatura, ma i protagonisti occupano i tempi morti raccontando le loro rispettive avventure, aiutandosi a vicenda a superare i propri traumi personali.

Trama

Primo atto

Nella sala tattica della Dauntless, l'Ammiraglio Janeway si lamenta con il Comandante Tysess di non avere ancora informazioni a proposito dei ladri che hanno il controllo della Protostar. L'Andoriano la corregge e le presenta un recente risultato di indagini sulle comunicazioni subspaziali non federali che hanno identificato una taglia sulla testa de "Gli Indesiderati": dalle fotografie identificative Janeway riconosce i giovani alieni che ha recentemente incontrato e ne apprende i nomi.

Sulla Protostar tutti i giovani stanno contribuendo alle riparazioni; Dal è ancora molto scosso per aver appreso di essere un esperimento genetico fallito, ma i suoi compagni di sventura gli fanno notare che lui non è l'unico ad avere una storia triste. Gwyndala ricorda di essere oggetto di caccia da parte del suo stesso padre; Zero che può leggere le menti degli altri spiega che tutti hanno ricordi che vorrebbero rimuovere. Rok-Tahk è la prima a raccontare gli eventi che l'hanno infine condotta a Tars Lamora.

Rok racconta del suo ruolo di "mostro" in una serie di combattimenti truccati contro il "cacciatore" Maximillion: i due erano in realtà amici e soci nel combattere facendo sempre vincere Maximillion, dividendo poi gli incassi delle scommesse. Tutto funzionò bene finché Rok non scoprì di essere davvero temuta come se fosse un mostro e che i fans ammiravano solo il suo socio "eroe". Deciso una volta tanto ad essere il vincente, Rok sconfisse in un duello Maximillion, provocando però così l'ira del loro proprietario che finì per vendere Rok ai mercanti Kazon che finirono per portarla su Tars Lamora. Rok è triste per il ricordo della disavventura, ma tutto sommato soddisfatta per i nuovi amici che ha trovato nella colonia mineraria e per le avventure che stanno vivendo insieme.

Dopo aver sentito la storia di Rok, gli altri membri dell'equipaggio invitano Zero a raccontare della sua cattura. Il Medusano spiega come facesse parte di una spedizione interplanetaria di suoi simili intenti a esplorare altri pianeti a scopo di ricerca. Separato dal resto del suo equipaggio per curiosità di investigare uno strano dispositivo, finì per essere vittima di un imboscata dei Kazon che lo catturarono, rinchiusero e vendettero a Drednok.
Gwyn si scusa con Zero per essere stata complice nel suo "uso" contro gli altri prigionieri non avendo nessuna idea dei suoi trascorsi.

Secondo atto

Negli alloggi di Asencia la Vau N'Akat racconta la storia di Solum al Diviner la cui mente è stata devastata da Zero: la donna racconta come il primo contatto con la Federazione avesse scatenato una guerra civile su Solum, dilaniato tra le due fazioni con opinioni opposte sulla Federazione dei Pianeti Uniti. La guerra durò decenni devastando il pianeta, senza che la Federzione intervenisse in alcun modo, così che la civiltà Vau N'Akat restò quasi annichilita.
L'arrivo della Protostar atraverso una anomalia temporale fu vista come un segno del destino: dopo aver catturato Chakotay e il suo primo ufficiale Adreek-Hu, la nave stellare venne armata con una "Struttura Vivente" con l'intento di essere inviata indietro nel tempo a distruggere la Flotta Stellare prevenendo del tutto il primo contatto.
Tuttavia, prima del lancio programmato della nave, Chakotay riuscì a inviare un comando a distanza per inviarla tramite l'anomalia senza possibilità da parte dei Vau N'Akat di controllarla o di scoprire dove e quando fosse finita.

I Vau N'Akat fondarono quindi l'Ordine, una organizzazione di un centinaio di individui decisi a trovare la Protostar a ogni costo, nonostante le probabilità bassissime di riuscita. Ogni membro dell'Ordine prese una astronave e un Drednok: molte navi vennero distrutte durante il viaggio nel wormhole, il Diviner finì nel 2363, mentre Asencia – nota come Vindicator – arrivò nel 2381 nel Quadrante Alfa dove, dopo essersi infiltrata nelle file dei propri nemici, trovò l'unica persona determinata a trovare la Protostar tanto quanto loro: Janeway.
Ritrovata parte della memoria, il Diviner spiega finalmente la ragione per aver creato la sua Progenie: non avendo più speranza di arrivare vivo alla scoperta della nave dopo 20 anni di sforzi, creare una erede sembrava l'unica cosa logica da fare, anche se contro le regole dell'Ordine. Il Diviner spiega anche che il tradimento della figlia è stato causato dall'incontro con un ragazzo.

Terzo atto

L'equipaggio della Protostar completa finalmente le riparazioni alla Proto-curvatura, ma devono tuttavia attendere un riavvio del sistema prima di poterla usare per uscire dalla Zona Neutrale Romulana. Per ammazzare il tempo, Zero invita Jankom a condividere la sua storia.

Precedentemente alla fondazione della Federazione, Jankom era un orfano su Tellar e venne quindi inviato in una missione colonizzatrice in animazione sospesa. A causa del malfunzionamento della sua capsula criostatica, Jankom riprese conoscenza in anticipo e gli vennero assegnate dal robot Boxy una serie di riparazioni da eseguire a bordo. Pur essendo solo un apprendista ingegnere, Jankom risolse con successo tutti gli inconvenienti a bordo per poi finalmente prepararsi di nuovo all'iper-sonno. Un ulteriore allarme lo informò infine che i livelli di ossigeno non erano sufficienti per tutti i 30 passeggeri della nave, a causa del grande consumo dovuto alle attività di riparazioni di Jankom. Dopo aver stabilito che la rimozione di anche un solo passeggero avrebbe salvato tutti gli altri, Jankom decise di lasciare la nave su una scialuppa, per finire poi catturato dai Kazon e infine venduto su Tars Lamora.

I compagni di viaggio di Jankom sono sinceramente colpiti dal suo atto di sacrificio del tutto disinteressato e Dal riconosce che tutti hanno, in effetti, un passato tormentato, ma Gwyn aggiunge che, insieme, hanno anche un futuro più luminoso.
Ologramma Janeway interviene nella conversazione avvisando che il propulsore è avviato e pronto alla carica, a sua volta l'ologramma viene invitato a parlare di sé stessa e della sua vita prima di essere digitalizzata: la sua storia inizia con il cane Mollie.

Tysess e Janeway finalmente si rendono conto che i ragazzi non sono semplicemente dei criminali, ma persone rapite e vendute finite in un affare più grande di loro: è necessario quindi dare la caccia piuttosto al loro aguzzino, un individuo che i due ufficiali conoscono solo per nome, "Diviner".
Janeway chiede alla Sicurezza di indagare su tutti i personaggi conosciuti con questo nome e si dirige nell'alloggio di Asencia per parlarne con il loro ospite: lì l'attende una brutta sorpresa quando l'ammiraglio viene aggredita alle spalle e messa fuori combattimento.

Sezioni

In questo episodio…

  • Janeway e il suo equipaggio realizzano che i giovani a bordo della Protostar sono vittime degli eventi e che il responsabile per la sparizione di Chakotay è da cercarsi altrove
  • Scopriamo che Asencia è identificata come "The Vindicator" e che è accompagnata da un suo Drednok
  • Veniamo a sapere che androidi come Drednok, astronavi come la Rev-12 e meccanismi senzienti come la "Struttura vivente" fossero tutte tecnologie comuni su Solum, diventate rare o uniche solo dopo la guerra civile

Note

  • La data stellare 61396.4 non è citata nell'episodio, ma in uno dei log di Janeway pubblicati su Instagram[1]. Nello stesso post, il sistema che ha intercettato le identità dei ragazzi ricercati è chiamato "Watson subspace network"
  • La musica suonata a inizio episodio è il Preludio n. 4 di Chopin, un brano che lo stesso compositore aveva chiesto fosse suonato al suo funerale.
  • La storia secondaria a proposito dei danni alla nave generazionale tellarita ha alcuni punti di contatto con la trama del film Passengers. Le vicende di Rok ricordano invece una parte del film Dragonheart
  • La spada di Maximillion prende chiaramente spunto dalle Spade Laser di Star Wars, dall'arma di Energon di Optimus Prime e dalla spada di Thanos come vista nel MCU

47

  • I comandi per inviare la Protostar attraverso l'anomalia temporale nel Quadrante Delta
    I comandi per inviare la Protostar attraverso l'anomalia temporale nel Quadrante Delta
    Sul PADD inquadrato prima della partenza della Protostar, quattro numeri in evidenza sono 6472

YATI

  • Dal racconto di Asencia e Drednok è chiaro che l'Ordine venne creato in seguito alla perdita della Protostar, al contrario lo Star Trek Database lo identifica come organo di governo dei Vau N'Akat
  • Davvero molto difficile da credere che la nave Tellarita avesse scorte d'aria appena sufficienti per 30 passeggeri in stasi e con una scorta così piccola da permettere il lavoro vigile di solo una persona per poco tempo. Incredibile inoltre che la quantità d'aria restante risulti essere sufficiente per esattamente una persona in meno
  • L'ingresso di Janeway negli alloggi di Asencia era chiaramente inaspettato, come è possibile quindi che proprio in quel momento il Diviner si fosse allontanato dal gruppo trovandosi convenientemente dietro l'Ammiraglio per aggredirla?

Continuity

Citazioni

Asencia: If you can believe it, there was once a time we were the same age. You were entice by Starfleet's lies of bold new worlds, but a great many were wary of their promises Why would we join a primitive allegiance when it was them who stood the most to gain? Years of infighting rotted our decency, replacing it with fear, anger, violence, civil war. The Federation refused to choose a side, abandoned us to face decades of our own self-annihilation. Hope of Solum was dead. Until decades later, the sky tore open and hope returned.

Boxy: All systems now optimal.
Jankom Pog: So, uh, Jankom Pog is done?
Boxy: Yes, Jankom. Now you can rest.
[…]
Boxy: Oxygen levels depleting.
Jankom Pog: What? No, no, no, no! You said Jankom Pog could rest! That's not rest. You liar!
Boxy: Your excess exertion means there is not enough air left for the 30 life signs aboard to reach their destination.
Jankom Pog: Uh, what if there were 29?
Boxy: Goodbye, Jankom Pog. You made for an excellent engineer.
Jankom Pog: Thank you, Boxy. And when the others wake up and ask who saved them, speak my name. Let them shout it from the stars.
Boxy: Please state your full name and…
Jankom Pog: What? Are you kidding me? It's me, Jankom Pog… Aww, you know what? Forget it. Jankom Pog is outta here. Jankom Pog fixed it!

Janeway: Kidnapped, sold, traded… They're not criminals, they're just some kids who found themselves way over their heads.
Tysess: Perhaps it's not them we should be after. But who put this bounty out? The Diviner? A serious name for what I presume is a serious individual.
Janeway: Perhaps it's serious enough to jog our guest's memory. Where is he?
Tysess: Hmm, scans show he's with Ensign Asencia in her quarters.
Janeway: Thank you, Commander. You have the bridge. It's time we get to the bottom of this. Security, dig up anything you can about an individual named The Diviner. Alert me of any findings.

Produzione

Riferimenti

Riferimenti diretti

Riferimenti inversi

Collegamenti esterni

Interwiki

Identificativi esterni

  • 58340, Identificativo TV Show Transcripts

Annotazioni

  1. The truth is never black and white., Star Trek Logs su Instagram