The Broken Circle

Da Wikitrek.
(Reindirizzamento da 201 - The Broken Circle)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Ico-SNW.SVGStagione 2 di Strange New Worlds
Titolo italiano:Il Circolo Spezzato
Stagione:2
Numero di produzione:201
Data di pubblicazione originale: Paramount+
Data di pubblicazione in Italia: Paramount+
Scritto da:
Regista:Chris Fisher
Data stellare:2369.2
Anno della timeline:2259
Posizione nella lista:1

Modifica i dati nella pagina della entità su DataTrek

The Broken Circle è il primo episodio della seconda stagione di Star Trek: Strange New Worlds.

Mentre l'Enterprise si trova presso la Base stellare 1 per lavori di miglioramento, il Capitano Christopher Pike si lancia in una personale missione per salvare Una dalle accuse. Lasciato al comando della nave con l'idea di una assegnazione di routine, Spock dovrà affrontare un pericolo ben più grande quando l'equipaggio viene contattato dalla loro ex collega La'an Noonien-Singh.

Trama

Primo atto

Secondo atto

Terzo atto

Quarto atto

Sezioni

In questo episodio…

  • La Enterprise è sottoposta a miglioramenti alla Base stellare 1, non è stato spiegato quali siano.
  • Attraccate all'anello esterno della Base stellare 1 vediamo la USS Farragut NCC-1647[1] e la USS Archer NCC-627, oltre alla Enterprise.
  • Vediamo che Uhura è diventata Guardiamarina, plausibilmente essendosi diplomata dall'Accademia.
  • Nonostante la Enterprise non sia stata coinvolta nella guerra, scopriamo qui che Ortegas, M’Benga e Chapel vi hanno partecipato.
  • Spock suona la Lira vulcaniana che il dottor Joseph M’Benga gli ha consigliato per ridurre lo stress.
  • Fa la sua prima apparizione il personaggio di Pelia.
  • Vediamo chiaramente che la Base stellare 1 si trova nei pressi di Giove.
  • Debuttano i Klingon in Star Trek: Strange New Worlds.
  • Vediamo per la prima volta Spock impegnato in uno sforzo diplomatico: possiamo considerare questo un primissimo passo verso il processo di pacificazione che porterà agli Accordi di Khitomer del 2293, trattato che deve la sua esistenza agli sforzi proprio di Spock, su richiesta dell'Ambasciata Vulcaniana, come spiegato in Star Trek VI: The Undiscovered Country.
  • Alla fine scopriamo che la Flotta Stellare si sta preparando ad una possibile guerra contro i Gorn, anche se l'informazione sembra essere riservata agli ufficiali di alto rango.
  • Mappa del confine tra la Federazione e l'Egemonia Gorn, vicino al territorio Klingon
    Mappa del confine tra la Federazione e l'Egemonia Gorn, vicino al territorio Klingon
    Vediamo una mappa del confine Federale-Klingon nella sua parte più distante dal centro galattico. Si tratta di una zona di spazio non mostrata nelle mappe stellari viste in Star Trek: Discovery, Star Trek: Picard e Star Trek: Strange New Worlds negli anni recenti. La mappa mostra il Sistema Ya'Vang il sistema di Cestus III e il sistema di Galdonterre, che già conoscevamo, inoltre introduce la Stazione Deep Space 2 che appare invece per la prima volta.
    Notiamo anche che, se le linee tratteggiate indicano il confine territoriale, quello Klingon, in alto, è nella posizione che ci aspettiamo, mentre quello Gorn, in basso, è molto più esteso di quanto segnato sulle carte moderne.[2]
    Non era peraltro scontato che il confine tra Federazione ed Impero fosse lo stesso del secolo successivo: in quello precedente infatti lo spazio imperiale era in almeno una zona più esteso (in The Augments veniamo a sapere che la Briar patch è territorio loro), e siamo a conoscenza anche di come ci saranno ancora altre occasioni di ostilità tra le due potenze nei decenni successivi.

Note

  • L'episodio è dedicato a Nichelle Nichols: prima dei titoli di coda compare la scritta “For Nichelle who was first through the door and showed us the stars. Hailing frequencies forever open…”
  • Viene affermato che la Guerra Klingon-Federale del 2256 ha causato 100 milioni di morti tra i cittadini federali. La battuta seguente si chiede se ne sia valsa la pena per un parsec o due di spazio guadagnato ma di fatto ancora conteso, un'osservazione che nella realtà viene spesso svolta a proposito della Prima Guerra Mondiale, in cui anche le nazioni vincitrici hanno avuto complessivamente milioni di caduti per guadagni territoriali relativamente contenuti (e, nel caso dell'Italia, parzialmente persi di nuovo nel conflitto successivo).
  • La navetta che si vede all'inizio dell'episodio avvicinarsi all'Enterprise è lo shuttle n. 5 Cervantes[3].
  • Come Archer in The Augments, quando M'Benga e Chapel rimangono nello spazio senza tuta di protezione, una volta teletrasportati all'interno dell'Enterprise patiscono un evidente principio di congelamento. Di nuovo, c'è da notare che il calore nello spazio non si può disperdere per conduzione o per convezione, ma soltanto per irraggiamento, il che è un procedimento molto più lento; i problemi dell'esposizione diretta al vuoto interstellare che si verificano nell'immediato sono in realtà altri, come per esempio quelli dovuti alla sostanziale assenza di pressione, che porta i liquidi corporei al di sopra del punto di ebollizione (relativo ad una pressione molto bassa). Vero che il passaggio dallo stato liquido a quello aeriforme causa un assorbimento di calore, ma la brevità dell'intervallo di tempo trascorso dai due nello spazio aperto difficilmente sembra sufficiente a causare gli effetti visti.
  • Nell'episodio si vedono le due navi NCC-1276 e NCC-1279: Jenna Mitchell pensa che la seconda sia una astronave Classe Crossfield. Questo in realtà non è possible in quanto la nave è molto diversa dalla USS Discovery NCC-1031 e dalla USS Glenn NCC-1030 viste in Star Trek: Discovery. In realtà queste astronavi sono costruite in CGI usando componenti da altri vascelli, in particolare: la sezione a disco, effettivamente è della Classe Crossfield, propulsori a impulso della Classe NX, gondole e piloni dalla Classe Constitution, la disposizione del deflettore di navigazione assomiglia a quella della Classe Pioneer. Appartengono evidentemente a una classe ancora senza nome.
  • In Under the Cloak of War veniamo a sapere che Joseph M’Benga ha sintetizzato la sostanza detta Protocollo 12 durante la Guerra Klingon-Federale del 2256. Lo stesso composto era già apparso in The Broken Circle, senza però che se ne sapessero i dettagli.

47

  • La data stellare è 2369.2 (23 + 69 + 2 = 94 che è il doppio di 47).

Okudagram

Blooper

  • Quando Ortega dice che il suo ordine è "Vámonos" (imperativo del verbo irse) i sottotitoli riportano "vamanos".

YATI

Versione Italiana

Continuity

  • Mappa del confine tra la Federazione e il territorio Klingon
    Mappa del confine tra la Federazione e il territorio Klingon
    La mappa stellare vista in Subspace Rhapsody indica Cajitar IV e il suo sistema stellare con un pallino metà blu e metà rosso a indicare la amministrazione alternata, come spiegato in The Broken Circle.
  • Il modo in cui viene rubata la Enterprise ricorda il furto della Defiant da parte di Thomas Riker nell'omonimo episodio. Non sarà l'unica volta in cui Spock e Uhura si renderanno responsabili di rubarla: il primo la ruberà infatti durante gli eventi di The Menagerie, mentre la seconda darà il suo contributo ad un'azione del genere nel corso di Star Trek III.
  • L'affermazione che prima della guerra sia la Federazione che i Klingon si rifornivano di dilitio al pianeta sembra essere un po' in contrasto con quanto affermato in The Vulcan Hello, dove si stabilisce che a parte contatti sporadici, le due potenze non abbiano avuto particolari relazioni praticamente dai tempi della fondazione della prima.
  • La vita lunga dei Lanthaniti li espone alla noia, un pensiero che avevamo già sentito da Quinn in Death Wish.
  • Alla fine dell'episodio viene identificata una nave Gorn nei pressi di Galdonterre, un sistema in cui si è nascosto per un certo tempo l'Albino.

Citazioni

April: After explicitly ordering you not to go, you risked hundreds of lives, and you risked peace in the quadrant.
Spock: If you could lower the volume of your voice, Admiral.
April: Oh, my God. Are you hungover, Spock?
Spock: The result of a peace treaty with the Klingon captain. After a successful mission.
April: You got lucky, and that could have just as easily gone the other way, with the Federation thrown into a brutal war with the Klingons.
Spock: I did what I believed was right, followed my gut, as you humans are so fond of saying, and I will accept whatever punishment Starfleet feels is just.
April: Consider that Klingon hangover your punishment. But next time… And there better not be a next time… It'll be your commission. Now, get Enterprise home.

Tafune: You let Spock off easy.
April: He just kept us from potentially having to defend two fronts at the same time. Even if he doesn't know it. In any case, he's one of our best. And if this war happens… we're gonna need every good officer we've got.

Produzione

Riferimenti

Riferimenti diretti

Riferimenti inversi

Immagini collegate

Collegamenti esterni

Interwiki

Identificativi esterni

  • tt17079894, Identificativo su IMDB
  • 63687, Identificativo TV Show Transcripts

Annotazioni