Forget Me Not

Da Wikitrek.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Dsc.pngStagione 3 di Discovery
Titolo italiano:Non ti scordar di me
Stagione:3
Numero di produzione:304
Data di trasmissione originale:
  • CBS All Access
  • Netflix
Data di pubblicazione originale: CBS All Access
Data di pubblicazione in Italia: Netflix
Scritto da:
Regista:Hanelle M. Culpepper
Posizione nella lista:4
Personaggi e interpreti DT
Attori ospiti

Attori co-protagonisti

Attori ospiti straordinari

Navigatore
< PrecedenteSuccessivo >
Popolo della Terra Provarci fino alla morte

Modifica i dati nella pagina della entità su DataTrek

Forget Me Not è un episodio della terza stagione di Star Trek: Discovery.

Adira custodisce le informazioni necessarie per raggiungere ciò che resta della Federazione dei Pianeti Uniti e della Flotta Stellare, ma non può accedere ai suoi ricordi. Un viaggio sul pianeta Trill si rivelerà più pericoloso del previsto.
A bordo il capitano Saru deve fare del suo meglio per sollevare il morale dell'equipaggio, con risultati sorprendenti.

Trama

Hugh Culber registra il suo diario personale notando che, nonostante le condizioni fisiche dell'equipaggio siano buone, lui è preoccupato per la loro tenuta mentale. La nuova missione alla ricerca del quartier generale della Flotta ha dato un obiettivo a molti colleghi, ma altri non riescono a riprendersi: Keyla Detmer in particolare sembra non riuscire a tornare alla normalità, ma su insistenza del dottore, accetta di considerare almeno la possibilità di avere un colloquio con lui.

In infermeria Culber e la dottoressa Pollard effettuano una scansione di Adira e verificano che il simbionte sia avvolto intorno al suo cuore. Lei assicura che si tratta di una misura "per proteggerla". La ragazza non ricorda nulla né delle vite precedenti del simbionte, né purtroppo della sua stessa vita prima di essere stata salvata da una capsula di salvataggio dalla United Earth Defense Force.
Il problema di Adira non sembra fisiologico, ma piuttosto psicologico: date le caratteristiche peculiari del rapporto simbiotico in cui si trova, l'unica soluzione pare chiedere aiuto ad altri della sua specie. Si decide quindi di viaggiare verso il pianeta Trill.

Primo atto

Giunti in orbita a Trill, il contatto con la superficie si svolge sotto i migliori auspici in quanto il Commissario Vos spiega che i Trill sono stati decimati dal Grande Fuoco, di conseguenza il ritorno di un simbionte sul loro pianeta è ragione di grande gioia.
Tutti si sentono sollevati per una accoglienza molto diversa e più positiva rispetto a quella riservata loro dalla Terra, Saru annuncia che manderà sul pianeta Tal e il loro ufficiale medico e annulla l'allarme giallo.

Saru si incontra con Stamets in ingegneria delle spore e gli spiega che è necessario analizzare delle alternative per effettuare salti anche senza di lui che, dopo due anni, resta l'unica persona in grado di controllare la destinazione. Stamets si mette subito sulla difensiva spiegando che dieci anni di ricerche non hanno portato a nulla di utile, fino alla fondamentale scoperta del tardigrada. Saru ribatte che, nel frattempo, ci sono stati nove secoli di progresso tecnologico e che potrebbero esserci altre soluzioni: la possibilità di effettuare salti anche in caso di assenza di Stamets è ancora più cruciale visto la carenza di dilitio.
Tilly entra nella conversazione e spiega che sta lavorando da tempo a una interfaccia con la materia oscura. Stamets la zittisce dicendo che si tratta di una idea senza senso, dato che la parte cruciale della navigazione nella rete micelica è proprio un navigatore biologico e senziente.

Culber visita Burnham nei suoi alloggi e le chiede di accompagnare Adira sulla superficie. Le spiega che è necessario il suo supporto emotivo in quanto la ragazza ha subito un trauma simile al suo. Le spiega che avrà bisogno di una guida per la sua crescita post-traumatica, ovvero quel processo di cambio psicologico positivo dovuto a un evento traumatico.

Culber fa rapporto a Saru a proposito della condizione dell'equipaggio che è fisicamente in ordine, ma non "sano". Il medico nota come l'equipaggio si senta solo e abbandonato, data la loro situazione peculiare: Saru pensa che la disciplina, il dovere e la routine quotidiana possano essere un rimedio, ma Culber spiega che i loro colleghi necessitano di sentirsi "connessi".

Adira e Burnham scendono sulla superficie del pianeta a bordo dello Shuttle DSC 31 e vengono accolti da una delegazione tra cui il Guardiano Xi e il leader Pav. I Trill sono confusi nel vedere un ospite umano e la loro confusione si trasforma in ostilità quando si rendono conto che Adira non ha nessun ricordo dei suoi ospiti precedenti, indicando quindi una unione del tutto fallita.
Vos descrive apertamente Adira come un abominio e addirittura vorrebbe estrarre il simbionte, ma Xi ricorda che questo comporterebbe la morte dell'ospite non molto più tardi.

Secondo atto

Terzo atto

Quarto atto

Sezioni

In questo episodio…

  • Per la seconda volta di fila, dopo People of Earth, l'episodio si apre con un diario personale a narrare l'azione, questa volta di Hugh Culber.

Note

  • Culber dice a Burnham di aiutare Adira nella crescita post-traumatica: la cosa sembra piuttosto sciocca in quanto, nonostante Burnham abbia passato un anno difficile in questo futuro, non è certamente comparabile con l'esperienza dello stesso Culber. Il dottore è morto, ha vissuto una esperienza traumatica nel piano miceliale ed è rinato. Per di più Culber ha evidenti conoscenze professionali approfondite di psicologia e psicoterapia.
  • Prima di direzionarsi sul loro pianeta, viene detto che non c'è memoria di ospiti Trill che abbiano avuto problemi a ricordare il vissuto di ospiti precedenti: al contrario, da Equilibrium sappiamo che ciò è accaduto almeno una volta. L'affermazione è comunque coerente con la continuità, visto che l'equipaggio della Discovery è limitato ad avere le informazioni provenienti dalla Sfera, che si fermano al 2258, più di un secolo prima del 2371 in cui avvengono i fatti dell'episodio di Star Trek: Deep Space Nine. Curiosamente, anche tale episodio, l'unico a mostrare le grotte di Mak'ala oltre a questo, è il quarto della terza stagione della rispettiva serie.
  • I Trill sul pianeta affermano che nessun simbionte si è mai unito ad alcun ospite non della loro specie; a dire il vero, Riker è stato ospite di un simbionte per un breve periodo in The Host.
  • L'incontro di Adira con gli ospiti precedenti di Tal ricorda, seppur con delle differenze, il rito dello Zhian'tara visto in Facets.
  • Uno degli ospiti precedenti di Tal indossa un'uniforme della Flotta Stellare vista in Star Trek: Picard. Per quanto questo possa essere consistente con la conoscenza mostrata da Adira nell'episodio precedente a proposito della Discovery, sembra strano che Tal possa avere avuto soli cinque ospiti in otto secoli.
  • Il fatto che Adira sia stata unita perché un simbionte necessitava di essere salvato ricorda l'unione di Ezri Dax come raccontata in Shadows and Symbols, con la differenza che in quel caso fu scelta lei in quanto l'unica Trill a bordo della nave in cui si trovava.

YATI

47

Blooper

Produzione

Okudagram

Versione italiana

Continuity

Citazioni

Pagine che portano qui

Pagine prive di categorie
Cast
Cast - C
Cast - G
Cast - Y
Discovery
Episodi
Episodi di Deep Space Nine
    Episodi di Discovery
    Eventi Trek
    Flotta Stellare
    Migrazione parziale a DT
    Nuovo box HT
    Pages using DynamicPageList3 parser function
    Pagine con errori di script
    Personaggi - D
    Personaggi - G
    Personaggi - N
    Personaggi - P
    Personaggi - Z
    Personaggi principali
    Star Trek Discovery


    Riferimenti

    Riferimenti diretti

    Riferimenti inversi

    Collegamenti esterni

    Interwiki

    Annotazioni