Stormy Weather

Da WikiTrek.
Jump to navigation Jump to search

Dsc.pngStagione 4 di Discovery
Titolo italiano:Tempesta
Stagione:4
Numero di produzione:406
Data di pubblicazione originale: (Paramount+)
Data di pubblicazione in Italia: (PlutoTV SciFi)
Regista:Jonathan Frakes
Personaggi e interpreti DT
Attori co-protagonisti

Attori ospiti

Navigatore
< PrecedenteSuccessivo >
Gli esempi …Connettere

Modifica i dati nella pagina della entità su DataTrek

Stormy Weather è un episodio della stagione 4 di Star Trek: Discovery.


Trama

Primo atto

Secondo atto

Terzo atto

Quarto atto

Sezioni

In questo episodio…

  • Book dice che in questo giorno il padre avrebbe festeggiato il suo compleanno. Sbalorditivo di come si siano potuti incrociare i calendari della Federazione e di Kwejian, tenendo conto che non sappiamo nemmeno se nel XXXII secolo la Federazione abbia ancora un calendario o riferito a cosa.
  • Saru cita analisi sensoriali di una Voyager e di una Enterprise, ma non è dato sapere a quale delle numerose iterazioni delle navi con quei nomi si stia riferendo.
  • Si dice che Linus deve stare tutto il giorno sotto una lampada riscaldante. La ragione non è chiara, ma avrà a che fare con il suo essere a sangue freddo.
  • Si scopre che il nome originale di Booker è Tareckx.
  • Zora si presenta formalmente all'equipaggio mostrando la sua interfaccia olografica. Spiega inoltre di aver scelto essa stessa il proprio nome e che questo significa "alba" nei linguaggi terrestri (informazione effettivamente corretta nel mondo reale), di Ni’Var e di Ba’ku. Successivamente si descrive come un essere senziente che opera in un supercomputer.
  • La Discovery subisce gravi danni uscendo dalla frattura subspaziale e viene ricoverata in un cantiere spaziale (apparentemente il Molo spaziale Archer) per riparazioni, rese veloci dall'uso massiccio di materia programmabile.

Note

  • Nonostante la dottoressa Pollard sia l'ufficiale medico capo, anche in questo episodio, come altre volte in precedenza, viene relegata a un ruolo di assistenza a Culber.
  • La prima apparizione della interfaccia di Zora e la sua rappresentazione nella sigla
    La prima apparizione della interfaccia di Zora e la sua rappresentazione nella sigla
    Quando Gray conversa con Zora si può vedere una rappresentazione olografica della AI: l'onda sembra essere quella mostrata in una delle nuove scene della sigla di apertura della quarta stagione. Questo dettaglio è stato mostrato già nell'episodio di The Ready Room che ha seguito The Examples.
    Per la prima volta Zora (IA) si mostra con una interfaccia circolare
    Per la prima volta Zora (IA) si mostra con una interfaccia circolare
    Successivamente, Zora si mostra con un grande elemento circolare azzurro che ricorda l'"occhio" visto in Calypso.
  • La battuta di Gray a Zora «How about we play a game?» sicuramente suonerà familiare agli appassionati di fantascienza con qualche anno sulle spalle: si tratta infatti di un chiaro riferimento al film WarGames.
  • Il sonar e il singolo tono di "ping" di ritorno che risuona in plancia è un chiaro riferimento a Caccia a Ottobre Rosso.
  • La canzone suonata da Zora alla fine è Stormy Weather che fa da colonna sonora all'omonimo film e che chiaramente dà anche il titolo all'episodio.
  • Visto quanto scoperto in questo episodio, potrebbero esserci i Kelvani dietro alla AMO? Si noti che tale minaccia è già conosciuta alla Federazione (By Any Other Name), rendendo non precise le parole secondo le quali l'essere esterna alla nostra galassia implica la sua assoluta non conoscenza.
    Inoltre, il fatto che la AMO si porti dietro materiale dalla barriera galattica non dovrebbe implicare necessariamente la sua provenienza extragalattica: come abbiamo visto in The Examples, essa è in grado di scomparire e di rimaterializzarsi anche a grandi distanze in tempi brevissimi (1000 anni luce nel giro di pochi secondi), per cui non si potrebbe escludere a priori che sia finita sul bordo galattico saltellando da un punto all'altro, ma sempre senza mai abbandonare la nostra galassia.
  • Il fatto che il teletrasporto della nave sia in grado di mantenere nel suo buffer gli schemi di tutto l'equipaggio contemporaneamente, rinforza l'osservazione svolta in The Examples a proposito della lentezza della procedura di evacuazione.
  • Il fronte di ciò che ha distrutto il DOT-7 prima ed il siluro fotonico poi si avvicina alla nave ad una velocità di 2.9 m/s, con impatto previsto, dopo la distruzione del siluro stesso, in 33 minuti circa. Se ne evince che la distanza in quel momento sia approssimativamente di 5.8 km, un dato compatibile col fatto che il DOT-7, pochi minuti prima, è andato perso poco dopo essersi allontanato oltre 6 km dalla nave.

YATI

  • Invece di mandare la nave più preziosa della Flotta in una zona di spazio sconosciuta e potenzialmente pericolosa, nessuno ha pensato a inviare una sonda?
  • In questo episodio, di nuovo dopo The Sanctuary, il valore di una frequenza viene usato per determinare la natura del fenomeno oscillatorio. Adira dice che le particelle risuonano con una frequenza di 218kHz e si deduce che si tratti di una frequenza in qualche modo caratteristica del SONAR. A parte che non si capisce bene in che modo queste particelle risuonino, inoltre nella zona di spazio dove si trova la Discovery non ci può essere un mezzo in grado di trasportare il suono, altrimenti lo avrebbero rilevato ore prima.
  • Anche se non esistono stelle fisse e altri fenomeni astronomici a guidare la nave, dato che la Discovery è entrata nella frattura subspaziale con la propulsione a impulso, si sarebbe potuto tranquillamente usare un sistema di navigazione inerziale (tecnologia elementare di cui la nave deve essere senz'altro dotata) per ripercorrere la rotta di ingresso in senso opposto.
  • Che senso ha che Burnham rimanga al suo posto fino quasi a farsi uccidere dalle situazioni ambientali avverse? Se in un primo tempo poteva essere utile "motivare" Zora in piena crisi emotiva, alla fine il capitano diventa solo un peso e avrebbe quindi potuto memorizzare il suo schema prima di svenire. Si tratta evidentemente del solito espediente economico per creare pathos in maniera del tutto artificiale.
  • Come già notato in precedenza, il fatto che Zora non solo sia senziente, ma provi anche sentimenti, comincia a creare gravi problemi di sicurezza all'equipaggio e alla nave. Anche qui, sembra nessuno se ne preoccupi più di tanto: l'atteggiamento di Picard nei confronti di Data in Generations, quando l'attivazione del suo chip emozionale lo stava portando a gravi problemi di concentrazione in una fase critica, fu ben differente.

47

Blooper

Produzione

  • Pochi giorni prima della messa in onda di questo episodio, Paramount+ ha annunciato che la puntata del sarà l'ultima prima di una pausa che durerà fino al [1]. Star Trek: Prodigy nel frattempo riprenderà la prima stagione a partire dal .

Okudagram

Versione Italiana

  • Un siluro fotonico viene chiamato "razzo fotonico".
  • Zora rileva una varianza dello 0.8% della climatizzazione del hangar navette, ma in originale è dello 0.08%.
  • Il "Pattern buffer " del Teletrasporto è tradotto con "Buffer degli schemi".

Continuity

Citazioni

Gray: How about we play a game?
Zora: An odd request, given the circumstances. Was that a joke?

Pagine che portano qui

Pagine prive di categorie
Cast
Cast - C
Discovery
Episodi
Episodi di Discovery
Episodi di The Next Generation
Eventi Trek
Pages using DynamicPageList parser function
Pagine create manualmente
Personaggi
    Personaggi - D
    Personaggi - N
    Personaggi - Z
    Personaggi principali
    Screenshot
    Star Trek Discovery
    Timeline Trek


    Riferimenti

    Riferimenti diretti

    Riferimenti inversi

    Collegamenti esterni

    Interwiki

    Identificativi esterni

    • 49565, Identificativo TV Show Transcripts

    Annotazioni