There Is A Tide…

Da WikiTrek.
Jump to navigation Jump to search
Dsc.pngStagione 3 di Discovery
Numero di produzione: 312
Première americana:
Première italiana:
Sequenza di trasmissione: {{{EpisodiSEQ}}}
Date e emittenti della prima TV:
  • su CBS All Access (USA)
  • su Netflix (Resto del mondo)
Prima TV USA: {{{EpisodiUSA}}}
Week Of della prima trasmissione USA: {{{EpisodiSAT}}}
Prima TV su NBC: {{{EpisodiNBC}}}
Prima TV su UPN: {{{EpisodiUPN}}}
Prima TV su Italia Uno: {{{EpisodiI1}}}
Prima TV su (Canal) Jimmy: {{{EpisodiCJ}}}
Prima TV su La 7: {{{EpisodiL7}}}
Prima trasmissione sulla RAI: {{{EpisodiRAI}}}
Prima trasmissione su Tele Venezia: {{{EpisodiTLV}}}
Prima TV su Telemontecarlo: {{{EpisodiTMC}}}
Prima TV su CBS All Access: {{{EpisodiCBSAll}}}
Prima TV su Netflix: {{{EpisodiNetflix}}}
Sequenza di trasmissione su Rete Quattro: {{{EpisodiR4}}}
Codice del The Next Generation Companion: {{{EpisodiCOD}}}
DVD europeo in cui è presente l'episodio: {{{EpisodiDVD}}}
VHS britannica dell'episodio: {{{EpisodiVHS}}}
Storia:
    Sceneggiatura:
      Screenplay:
        Regia:
        Musica: {{{EpisodiMUS}}}
        Produttore: {{{EpisodiProduttore}}}
        Coproduttore: {{{EpisodiCoproduttore}}}
        Produttore esecutivo: {{{EpisodiProd.Exec.}}}
        Produttore associato: {{{EpisodiProd.Assoc.}}}
        Consulente esecutivo: {{{EpisodiCons.Exec.}}}
        Costo di produzione: {{{EpisodiCosto}}}
        Incassi al botteghino: {{{EpisodiIncassi}}}
        Durata: min
        Titolo nella collana La pista delle stelle: {{{EpisodiPST}}}
        Titolo italiano: C'è una marea…
        Titolo italiano scelto da Telemontecarlo: {{{EpisodiIT (TMC)}}}
        Titolo spagnolo: {{{EpisodiES}}}
        Titolo francese: {{{EpisodiFR}}}
        Titolo tedesco: {{{EpisodiDE}}}
        Titolo giapponese: {{{EpisodiJP}}}
        Titolo portoghese: {{{EpisodiPT}}}
        Titolo brasiliano: {{{EpisodiBR}}}
        Titolo afrikaans (Sudafrica): {{{EpisodiZA (af)}}}
        Titolo zulu (Sudafrica): {{{EpisodiZA (zu)}}}
        Sonoro: {{{EpisodiSonoro}}}
        Effetti speciali: {{{EpisodiSFX}}}
        Rating americano: {{{EpisodiRating USA}}}
        Titolo nell'edizione italiana in DVD: {{{EpisodiDVDITA}}}
        Titolo provvisorio: {{{EpisodiPRO}}}
        Titolo italiano proposto dallo STIC: {{{EpisodiSTIC}}}
        Data delle versioni dello script: {{{EpisodiSCR}}}
        Data delle riprese: {{{EpisodiRIP}}}

        Personaggi e interpreti DT

        Attori co-protagonisti

        Attori ospiti


        Navigatore episodi

        < Precedente Successivo >
        Su'Kal Quella speranza sei tu: Parte 2

        Modifica i dati nella pagina della entità su DataTrek

        There Is A Tide… è un episodio della stagione 3 di Star Trek: Discovery.

        Giunta con l'inganno all'interno del perimetro difensivo del quartier generale della Flotta Stellare, Osyraa stupisce l'Ammiraglio Vance con una proposta tanto inaspettata quanto ardita. Sulla Discovery gli ufficiali fanno di tutto per opporsi agli invasori, anche grazie all'aiuto di Michael Burnham e Book, giunti rocambolescamente sulla nave.
        Stamets dovrà vedersela con uno scienziato in grado di tenergli testa, ma sarà costretto a un sacrificio estremo.

        Trama

        Primo atto

        Secondo atto

        Terzo atto

        Quarto atto

        Sezioni

        In questo episodio…

        • Vance definisce la Emerald Chain una "grande società" e dice che "la sua gente è buona". Spiega inoltre che la rettitudine morale della Federazione è ancora offuscata da paura e isolazionismo dai tempi del Grande fuoco.
        • Osyraa definisce la Federazione una "catena di pianeti" e la Emerald Chain una "federazione mercantile". Dice inoltre che la Catena dispone delle istituzioni scientifiche meglio finanziate (e, implicitamente, meglio funzionanti) della Galassia.
        • Vediamo un nuovo emblema della Emerald Chain: non è chiaro se questo rappresenti l'organizzazione o la sua flotta spaziale. Il fatto di essere associato a quello della Flotta Stellare nell'intestazione dell'armistizio ci fa propendere per questa ipotesi. In questo caso, però non si capisce cosa sia rappresentato sul distintivo degli ufficiali.
        • Il frammento video in bianco e nero proiettato da Kanak in plancia (e poi replicato da DOT-23 alla fine dell'episodio) proviene da un film di Buster Keaton, come spiegato da Jonathan Frakes nell'episodio relativo di The ready room. I vecchi filmati terrestri sembrano essere una peculiarità di Zora come già visto in Calypso. Non è chiaro a chi appartenga il viso, visto solo parzialmente, che è mostrato poco dopo sul monitor dietro a Kanak.

        Note

        • La trattativa tra Vance e Osyraa ricorda per certi versi quella tra Sisko e Weyoun in Call to Arms: in entrambi i casi la controparte alla Federazione afferma che il suo scopo è quello di coesistere con l'organizzazione interplanetaria nell'interesse di tutte le genti, quando in realtà sia il Dominio che l'Emerald Chain sono organizzazioni oppressive in antitesi con gli ideali federali.
        • Osyraa dice a Vance che, visti i tempi che corrono, deve accettare il capitalismo. Benché nello spirito Trek gli ideali della Federazione si vogliano contrapporre a quelli del mondo reale di oggi, in realtà questo parallelo, che lei afferma in sincerità in quanto controllata dall'ologramma della verità, non è molto preciso: l'Emerald Chain è un'organizzazione che si basa sulla violenza e sull'intimidazione, dove il potere viene gestito a livello familiare (vedi Osyraa stessa con suo nipote Tolor), di natura più vicina a quella feudale rispetto a quella capitalista che conosciamo.
        • Osyraa afferma che l'Emerald Chain è una federazione di centri scambi; visto che in Scavengers Booker aveva menzionato esplicitamente il centro scambi di Bajor, si può presumere ragionevolmente che il pianeta sia parte dell'organizzazione. Inoltre, in Far From Home era stato menzionato un centro scambi tellarita; se esso riguarda il loro pianeta di origine Tellar, configurando anche la sua appartenenza all'organizzazione, allora questo significa che tutti i membri fondatori della Federazione hanno abbandonato l'organizzazione interplanetaria (si veda anche quanto scritto a questo proposito in una YATI relativa ad Unification III).
        • Curioso notare che, nonostante Osyraa pensasse originariamente di discutere con il Presidente della Federazione, il testo dell'armistizio riporti già il Comandante in Capo della Flotta come rappresentante della Federazione. Quindi Osyraa aveva un legale in attesa, pronto a effettuare modifiche dell'ultimo minuto al testo.
        • Ancora a proposito di Osyraa: da Bound, sappiamo che le donne orioniane secernono degli ormoni in grado di rendere succubi i maschi di molte specie, tra cui gli Umani. Se già nel corso di tutta la stagione non abbiamo mai visto la leader dell'Emerald Chain trarre vantaggio da questo, qui il fatto è ancora più palese, visti i vantaggi che avrebbe potuto avere ad approcciare in quel modo Vance. Potrebbe per esempio essere che l'orioniana è nell'equivalente della menopausa umana, e non più in grado di sfruttare tale possibilità.
        • Continua la confusione a proposito della propulsione della navetta di Book. Di nuovo, in questo episodio, può viaggiare (tramite condotto di trans-curvatura, oppure con Quantum Slipstream) coprendo distanze in tempi simili alla Discovery con il suo propulsore a spore. Continua a non essere chiaro quando sia possibile usare questa propulsione e quando no. In vari episodi, come questo e The Sanctuary sorge il fondato dubbio che la questione sia decisa a posteriori in base all'utilità nella sceneggiatura.
        • Viene menzionata la stazione Deep Space 253; il numero è stato probabilmente scelto come notevolmente più alto delle stazioni con lo stesso nome già conosciute (in primis Deep Space Nine per rimarcare la distanza temporale dalle relative serie e film con ambientazione nel XXIV secolo, ma c'è da ricordare come nelle stesse le basi stellari con numeri a tre cifre fossero molto comuni.
        • La disabilità di Aurellio va di pari passo con quella del suo interprete Kenneth Mitchell – già molto noto in Star Trek: Discovery – cui è stata diagnosticata la Sclerosi laterale amiotrofica nell'estate del 2018.
        • Molti hanno fatto notare alcune somiglianze tra questo episodio e il classico d'azione Trappola di cristallo[1][2]:
          • Burnham e McLane vengono entrambi feriti e passano la maggior parte dell'azione sanguinando
          • il detective si muoveva nei condotti di aerazione, l'ufficiale nei tubi di Jefferies
          • Entrambi rubano un dispositivo di comunicazione con cui parlare con il "cattivo" di turno e con cui contattare i rinforzi: la polizia e Gabrielle Burnham
          • Tutti e due finiscono senza scarpe
          • McLane attiva manualmente un allarme antincendio, Burnham spara a un dispositivo per crearne uno vero
          • Il poliziotto si cala nel pozzo di un ascensore usando la cinghia di un fucile come corda, Burnham si vincola con una cinghia simile per evitare di essere spinta fuori dalla nave. Entrambi alla fine cadono, tutti e due senza gravi conseguenze.

        YATI

        • La strategia di Burnham per scatenare un incendio è decisamente poco intelligente. Anche ammesso che niente e nessuno l'abbia fermata prima di fare esplodere il dispositivo che ha generato fuoco, non ha senso che il computer della nave abbia aperto un portello esterno per rimuovere l'aria dal condotto. Come sappiamo dai tempi di Up The Long Ladder, le navi stellari hanno campi di forza localizzati per la soppressione degli incendi. Anche ammesso di "convincere" il computer ad aprire il portello esterno, l'aria nel condotto sarebbe uscita con grande velocità e Burnham stessa avrebbe quantomeno dovuto perdere i sensi. Per ultimo, indossando sempre il comunicatore della Emerald Chain, Burnham poteva essere localizzata in un qualsiasi momento e punto della nave, da un numero indeterminato di nemici: il suo piano quindi era del tutto nelle mani del caso fin dall'inizio.

        47

        Blooper

        • Nella schermata olografica dell'armistizio, l'emblema della Flotta Stellare e quella della Catena hanno il fronte invertito con il retro. Quando l'inquadratura è dalla parte di Osyraa, il testo è inquadrato da dietro, ma lo spettatore vede le grafiche correttamente, quindi per Vance devono risultare al contrario.
        • Dopo aver letto la proposta, Vance spegne l'ologramma e si alza come se avesse finito di studiarla. In effetti poco prima si poteva leggere ARTICLE 1, quindi l'Ammiraglio si trovava all'inizio del testo.

        Produzione


        Continuity

        • Nella proposta di armistizio tra la Federazione e l'Emerald Chain, è possibile leggere la data stellare 29141429.1; a differenza della data 865211.3 menzionata in People of Earth, essa non è coerente con il formato utilizzato nelle serie e nei film di Star Trek ambientati nel XXIV secolo, in quanto starebbe ad indicare un istante nel tempo successivo di quasi trentamila anni. Non si può escludere però che il sistema data dell'Emerald Chain sia differente rispetto a quello della Federazione e della Flotta Stellare.

        Citazioni

        Vance: «Osyraa… she's not on the Viridian, she's on Discovery. And we just let her in the front door.»

        Osyraa: «It doesn't quite taste like the real thing, does it?»
        Vance: «I've never eaten a real apple.»
        Osyraa: «Well how sad. Apples are a thing of beauty. You want to talk about oppression, you should start in your own mess hall.»
        Vance: «It's made of our shit, you know. That's the base material that we use in our replicators. We deconstruct it to the atomic level, and then reform the atoms. It's pretty good for shit, and we don't have to commit atrocities for it.»

        Ryn: «I'm not afraid of you any more. I've seen real bravery, real strength and loyalty. And love. You're nothing compared to that. All you have is fear, and no one is feared forever.»

        Riferimenti

        Riferimenti diretti

        Riferimenti inversi

        Collegamenti esterni

        Interwiki

        Identificativi esterni

        Annotazioni


        Navigatore Globale